l'arte del buon vivere - castagne

variabile

Viene buio sempre prima, fossimo in altri tempi, ci stringeremmo attorno al fuoco, magari aspettando che cuocian delle castagne, purtroppo non è quasi più così.
Il consumo della castagna ha sfamato intere popolazioni durante le guerre, le cartie e,  anche in tempi recenti, ha permesso la sopravvivenza a fasce di popolazioni “deboli”.
In Italia la farina di castagne  era la materia prima per molti piatti tipici che potrebbero essere riscoperti ai fini culinari anche nelle migliori ristorazioni.

Le tagliatelle di castagnaccio:
In Val di Vara prendono il nome di taiette e possono essere anche condite con un pesto tradizionale. Le armellette sono un piatto simile ma in questo caso dalla sfoglia si ricavano delle pappardelle (lasagnette) che possono essere condite con il pesto, con olio e parmigiano o con  fette sottili di pecorino (ricavate con il taglia-tartufi).
Mescolare a secco 350 g di farina dolce di castagne e 200 g di farina di frumento; impastare con un poco d’acqua tiepida, 2 uova intere e sale sino ad avere una pasta tirabile a sfoglia; tirare la sfoglia e ritagliare alla macchina (o tagliare a mano) le tagliatelle(misura media); cuocere al dente in abbondante acqua salata; scolarle e servirle in un piatto da portata condite con ricotta cremosa (ottenuta stemperando la ricotta con un poco d’acqua di cottura); se si desidera la ricotta può essere arricchita con una spruzzata di parmigiano.

Tagliatelle di Novegigola:
Miscelare a secco 250 g di farina dolce e 200 di farina di frumento; impastare con 3 bicchieri d’acqua tiepida, due uova intere, due cucchiai d’olio d’oliva e sale; tirare la sfoglia e preparare le tagliatelle; tritare 50 g di lardo e farlo rosolare con 2 cucchiai di olio d’oliva e 2 porri tagliati fini; far rosolare per 5’; cuocere le tagliatelle, al dente, in abbondante acqua salata; scolarle e condirle con sugo di porri; spolverarle con pecorino grattugiato. 

Trofie di castagnaccio:
Se il dosaggio è di 350 g di farina dolce e di 200 g di farina di frumento si potrà fare un impasto con sola acqua tiepida e sale; staccare allora dei pezzetti grossi come piselli e creare delle trofie liguri (schiacciare con un dito e ruotare in un senso e nell’altro); le trofie vanno cotte in abbondante acqua salata per 4’-5’ e condite al pesto.

I padeletti di castagnaccio (o frittelle):
Si impastano 300 g di farina di castagne con ½ litro d’acqua in un tegame sino ad avere una pastella molto fluida; aggiustare di sale; in una padella scaldare lo strutto nel quale si versa la pastella a cucchiai. I padeletti vanno serviti con ricotta fresca.
La ricetta attuale prevede l’impasto con il latte e la cottura in olio d’oliva.

Le torte di castagnaccio o migliaccio o pattona:
Le ricette più comuni.
1) Si stemperano e s’impastano 500 g di farina di castagne ed un pizzico di sale con 800 g di acqua fredda aggiunta poco alla volta e cercando di non creare grumi; si aggiunge olio d’oliva (50 g), pinoli interi, noci, mandorle o nocciole a pezzetti, uva passita (rinvenuta nel latte per 1-2 ore e poi infarinata) o canditi; si versa la farinata in teglia , unta d’olio, per un’altezza massima di due centimetri; si ricopre con due cucchiai d’olio e s’inforna; per chi cuoce nel vecchio forno a legna si raccomanda di cuocere tra due fuochi.

2) Una seconda ricetta valtarese tipica invece utilizza ricotta impastata con un poco d’anice e zucchero come condimento; in questo caso dopo l’impasto a freddo (si può utilizzare anche una certa % di latte) non si aggiungono pinoli, noci,… ma si mette in teglia per non più di 1,5 centimetri e si ricopre con uno strato (0,5-1 cm) di impasto di ricotta; s’inforna a temperatura mai superiore a 150°C per 1 ora. 
3) Un’altra versione prevede l’utilizzo di latte e zucchero: 500 g di farina vengono impastati con 200 g di zucchero e 3 bicchieri di latte cercando di non fare grumi; amalgamare bene con 100 g di uvetta (rinvenuta in acqua tiepida), 100 g di pinoli; stendere in tutto in teglia imburrata (25 g di burro); mettere in superficie 2 cucchiai d’olio e stenderlo con cura; infornare a 190°-200°C per 50’-60’. 

La polenta di castagnaccio:
Si porta in ebollizione l’acqua salata (2 litri) in pentola capace; si abbassa la fiamma e si aggiungono 600 g di farina a pioggia per impedire i grumi e si mescola bene con cucchiaio di legno; dopo 45’ di cottura si versa su un tagliere di legno ed ancor calda si serve a fette con ricotta.

La marronata (marmellata di castagne):
E’ in uso dall’ultimo dopoguerra; sbucciare e cuocere le castagne; scolarle, togliere loro la pellicina intera, schiacciarle e passarle allo staccio (*). Preparare a parte uno sciroppo facendo bollire per una mezz’oretta lo zucchero in acqua (700 g di zucchero in un bicchiere di acqua: dose suggerita per chilo di passato). Mescolare lo sciroppo al passato di castagne e riporre sul fuoco per almeno mezz’ora. Giù dal fuoco ci fa buono assai un qualche cucchiaio di rhum.
Variante: al passato caldo (*) aggiungere 1200 g di miele e miscelare (aiutarsi con un poco d’acqua di cottura delle castagne; raffreddare, aggiungere vaniglia ed invasare.

Torta di castagne con il cioccolato:
Si impastano a freddo 500 g di farina di castagne, 150 g di cioccolato, 50 g di farina di grano, 10 g di bicarbonato di sodio con 500 g di latte.  Si lavora bene in modo da avere una pappa omogenea, si mette in teglia imburrata ed infarinata e s’inforna.

Cannoli di castagne:
Sono delle normali crêpes (preparate con 300 g di farina di castagne, 3 cucchiai d’olio, sale, acqua q.b. così da avere una pastella molto fluida); si passa ciascuna  crêpe con marmellata di mirtillo, di fragola o con frutti di bosco misti; si arrotola a cannolo e si pone in forno pochi minuti in modo da servirlo caldo con l’aggiunta di una spolveratina, a freddo, di zucchero a velo.

Tagliatelle di castagne al sugo di funghi:
Impastare bene 150 g di farina di castagne, 150 g di farina bianca per sfoglia, 3 uova, un pizzico di sale, 1 cucchiaino d’olio d’oliva.
Tirare la sfoglia e preparare le tagliatelle che andranno condite con sugo di funghi porcini o con sugo di salsiccia e funghi o con ricotta grassa (Val Taro).

Pane Martino alle noci:
Tipico piatto lunigianese che si prepara impastando 50 di farina tipo 0  con 50 g di farina di castagne e con 30 g di lievito di birra sciolto in 100 ml di acqua tiepida; impastare a lungo e lentamente; formare un panetto ed incidere la superficie a croce per lasciarlo poi lievitare coperto per 1-2 ore; impastare ora il panetto con 300 g di farina tipo 0, 200 g di farina di castagne, 300 ml di acqua, 1 cucchiaio d’olio ed un po’ di sale; lavorare la pasta a lungo e farne un pane; incidere a croce il pane e lasciarlo lievitare per 2 ore coperto; impastare di nuovo il pane incorporandovi, con delicatezza, 250 g di gherigli di noci; formare quindi un pane lungo ed ovale e trasferirlo in una placca lunga, appena unta d’olio, e rivestita di carta da forno; lasciare in lievitazione per altri 20’ dopo aver praticato dei mezzi buchi in tutta la massa con l’indice della mano; cuocere in forno caldo a 180°C per 40’ e servire tiepido. (R.SP.)

Pappardelle di castagne:
Sono in pratica pezzetti scomposti di lasagne che vengono lessati e conditi a strati; impastare 350 g di farina di castagne e 250 g di farina tipo 0 con circa 150 ml di acqua tiepida così da ottenere una pasta soda che si lascia riposare per 30’ coperta; tirare una sfoglia da lasagne e lasciarla seccare; spaccarla a pezzettoni di circa 5-7 cm con le mani; lessare al dente i pezzettoni in acqua salata ed estrarre con mestolo forato; disporre sul piatto a strati intercalandoli con parmigiano (grattato fresco), poi ricotta, poi sopra pecorino (grattato fresco) ed un filo d’olio extravergine d’oliva. (R.SP.)

Gnocchi di castagne al pesto:
Gnocchi: 700 g di patate, 100 g di farina bianca, 100 g di farina di castagne, un uovo, un pizzico di sale; pesto: 4 mazzetti di basilico, 40 g di pecorino, 40 g di parmigiano, 100 g di olio extra-vergine di oliva, una manciata di pinoli, uno spicchio d’aglio, un pizzico di sale. Lessare le patate con la buccia; quando saranno cotte sbucciarle e passarle allo schiacciapatate. Lasciare intiepidire e poi aggiungere le due farine, l’uovo ed il sale. Impastare bene e preparare i soliti bastoncini per gli gnocchi dello spessore di un dito; tagliare pezzetti di 2-3 cm e passarli sul rovescio della grattugia, delicatamente, premendo con l’indice; mantenerli su un vassoi infarinato; cuocere gli gnocchi in acqua salata e mammano che vengono a galla raccoglierli e condirli con il pesto.

Lasagne bastarde:
Piatto tipico lunigianese che prevede un impasto di farina dolce e di grano (in rapporto di circa 400 e 600); si mescolano le due farine a secco e poi s’impastano con acqua tiepida sino ad avere un impasto compatto; si tira una sfoglia non troppo sottile e la si taglia a pappardelle  di 6 x 4 cm; s’infarina per non farle attaccare e si bollono in acqua salata aggiungendole una per volta; dopo 15’ di cottura a fuoco lento si scolano con cura  e si condiscono a strati (2-3 al massimo) con buon olio e buon formaggio (pecorino piccante).

Tortelli di castagne e ricotta:
Lessare le castagne o meglio i marroni (800 g) in acqua salata; lasciarle intiepidire e sbucciarle con cura; passarle al passaverdura e metterle da parte; fare una pasta omogenea con 350 g di farina bianca, 150 g di farina di castagne, 3 uova intere, sale ed acqua; preparare ora un impasto per ripieno con la crema di marroni, 2 uova intere, 6 cucchiai di parmigiano, 300 g di ricotta, sale e pepe; rimestare bene ed omogeneizzare con poco latte o con l’acqua di cottura dei marroni; stendere la pasta e fare dei tortelli  con il ripieno preparato chiudendoli con molta cura. Lessare in abbondante acqua salata e servire con burro e parmigiano a volontà (altro piatto lunigianese).

Castagne arrostite o bruciate:
La ricetta montanara più tipica richiede la cottura in padella bucherellata dopo incisione della buccia presso l’ilo (circa 20’ a fiamma viva), una spruzzata di vino rosso prima di toglierle dal fuoco, un intiepidimento dentro un panno chiuso per non perdere il sapore. 

Castagne glassate:
Le castagne arrosto, ben cotte, sbucciate e scelte, si infilano in numero di 8 o 9 su bastoncini sottili  e si immergono in sciroppo bollente fatto con 250 g di zucchero ed un bicchiere d’acqua. Vi si lasciano per  5’, indi si tolgono , si lasciano sgocciolare, raffreddare ed asciugare.

Castagne lessate o ballotte:
Si preparano per semplice bollitura in acqua (con un pizzico di sale) aromatizzata con finocchio o con alloro per 20’. Anche in questo caso è preferibile farle asciugare al fuoco per qualche minuto perché diventino  più farinose e meno fragili.

Castagne stufate:
Si imburra una padella e vi si pongono pezzetti di sedano (da un gambo grosso intero, per aromatizzare) e porvi 750 g di castagne sbucciate; ricoprire interamente con brodo di carne leggero o brodo vegetale; lasciar cuocere senza mescolare; questo stufato può servire da contorno o come piatto a sé stante,

Castagne lessate a vapore o pelate:
Le castagne cuociono fuori del contatto dell’acqua(che viene spesso aromatizzata con finocchio selvatico) e risultano più saporite e nutrienti. Le pelate si consumano quasi sempre con latte freddo(drogato con cannella o zuccherato alla vaniglia) mentre le ballotte si consumano direttamente.

Risotto di castagne:
In casseruola soffriggere burro (30-50 g) e cipolla tritata sinché il soffritto sarà pronto e chiaro; aggiungere riso (300 g per 4 persone) e farlo cuocere sino ad assorbire il tutto; ora aggiungere 50-75 ml di cognac secco e lasciare ancora asciugare; aggiungere 300 g di pelate fresche e spezzate grossolanamente; salare e pepare; portare a cottura con buon brodo di vitello, mantenendo il riso al dente; servire caldo guarnendo con  maggiorana (ricetta lunigianese assai antica). 

Zuppa di castagne all’issòpo:
Si lessano 500 g di castagne e quindi si sbucciano; si mettono in una pentola con una cipolla (piccola) tagliata a fette, con 80 g di prosciutto crudo a dadini, con due foglie d’alloro ed un rametto di issòpo (pianta officinale); si salano e si fanno cuocere sino a quando saranno tenerissime; si scolano recuperando il brodo di cottura; si passa la metà delle castagne al passaverdura e si rimette il tutto in pentola con l’acqua di cottura ed un litro di brodo di vitello leggero; si fa bollire per 15’-20’ ed infine si uniscono 100 ml (mezzo bicchiere) di panna fresca; si serve con crostini di pane dorati al burro. (R.SP.)

Fagiano alle castagne:
La dose per 4 persone prevede 800 g di castagne che vanno lessate in acqua salata e spellate. La preparazione inizia con un soffritto a base di cipolla, carota, sedano in olio d’oliva (dorato a fuoco molto lento); unire un fagiano a pezzetti  e farlo rosolare lentamente; aggiungere ora bordo vegetale a piccole porzioni in modo da portare il fagiano a cottura; unire un bicchiere di vino secco ed aumentare la fiamma in modo da avere un sugo abbastanza denso; unire le castagne lessate e mescolare con molta cura a fuoco lento in modo da farle ben insaporire per 5’. Servire ben caldo.

Cappone ripieno: 
Arrostire o lessare 500 g di marroni (o castagne grosse); sbucciarli e tritarli grossolanamente; mettere in casseruola ed unire 3 salsicce fresche, 200 g di prugne snocciolate, una mela tagliuzzata, 20 g di funghi secchi rinvenuti; amalgamare ed aggiungere un bicchierino di vin santo, 2 uova intere, sale, pepe e due pugni di mollica di pane; impastare di nuovo ed a lungo; farcire un cappone di circa 2 kg e chiudere con un filo di refe cucito; coprire il cappone con fette di pancetta legate con spago e mettere in forno, a temperatura media,  dopo aver unto la teglia ed aver bagnato il cappone con 1 bicchiere di vino bianco ed averlo aromatizzato con sale e pepe. La cottura durerà 2 ore ed ogni tanto il cappone va bagnato con il sughetto di cottura. Mezz’ora prima di sfornare occorre togliere la pancetta per far colorire meglio il cappone.

Oca alle castagne:
Preparare un impasto con il fegato dell’oca tritato, castagne arrostite e sbucciate, 100 g di pancetta, erbe aromatiche, sale, noce moscata grattata, pepe ed un bicchiere di cognac; riempire l’oca e ricucirla; infornarla e cuocerla bene.

Dolce di castagne:
Lessare 2 kg di castagne in acqua con sale ed alloro. Sbucciarle e passarle ad un passatutto grossolano; metterle al fuoco ed aggiungere ½ litro di latte, 200 g di zucchero, un cucchiaino di cacao amaro ed amalgamare bene. Far asciugare senza fiamma o calore ed aggiungere un pizzico di vanillina e un cucchiaio di Cognac. Stendere il composto (a tronco o a cuore) e guarnirlo con panna dolcificata.

Verdura di castagne:
Far rosolare in padella una cipolla intera con olio e burro; aggiungere 500 g di castagne pulite e tritate; lasciare cuocere a coperchio chiuso; aggiungere un poco d’acqua e due mele affettate; salare e servire calda.

Castagne al Kirsch:
Sbucciare le castagne ( 1 kg) e cuocerle in un largo tegame con acqua salata; scolarle e nello stesso tegame mescolare le castagne con 200 g di zucchero; rimettere sul fuoco e far sciogliere bene lo zucchero; invasare e coprire con Kirsch.

Composta di marroni al limone:
Si cuociono alla brace, in padella di ferro, dei bei marroni e quindi si sbucciano; si passano subito in tegame con dello sciroppo di zucchero e si tengono a fuoco basso sinché lo sciroppo non viene assorbito totalmente; si sistemano su un piatto caldo e si spruzza sopra succo di limone; si arricchisce il tutto con zucchero a velo.

Composta di marroni o castagne al Rhum:
50 castagne lessate, sbucciate, pelate e intere si ricoprono in terrina con sciroppo a 28° di densità; si pongono in stufa per 2 ore; indi si scolano, si zuccherano con 150 g di zucchero e si ricoprono con 200 ml di Rhum che si fa ardere al momento dell’uso. Se si usano le castagne secche queste vanno lavate e lasciate macerare in acqua per almeno 12 ore (l’acqua di macerazione serve per la cottura).

Passato di castagne:
E' la base per molte preparazioni che servono pure da contorno o guarnizioni a flan, timballi di riso, composti di verdura.
Si prepara passando le castagne lessate e pelate allo staccio o al passaverdura e condendo il passato con brodo, sale, pepe, prezzemolo, limone, burro o sugo di carne.

Zuppa di castagne:
Servono 50-60 castagne arrostite quel tanto che serva per sbucciarle bene; si cuociono a fondo in brodo di carne; si passano allo staccio, si aggiungono due tuorli d’uovo e prezzemolo, indi si amalgama bene e si versa sopra il brodo di cottura delle castagne; si serve calda. Variante: si trita una cipolla intera, 50 g di sedano, 70 g di prosciutto crudo magro, 50 g di lardo (al posto di prosciutto e lardo si può usare la pancetta) e si mescolano bene in padella soffriggendo con 50 g di burro; aggiungere 800 g di passato o di castagne bollite, sbucciate (in acqua bollente)  e tritate; aggiungere un bicchiere di vino rosso e far cuocere per 5’; aggiungere 1 litro di brodo vegetale leggero; lasciar cuocere oer 1 ora; servire la zuppa calda.

Zuppa di castagne alla giardiniera:
Si stempera il passato di 100 castagne in 4 litri di buon brodo di carne; si fa bollire rimestando ed aggiungendo qualche cucchiaio di buon vino Madera, indi si lascia chiarificare per 45’, si digrassa, si passa allo staccio e si versa in zuppiera con guarnizione di carote e rape a pezzetti, di punte d’asparagi,…

Verdura di castagne:
Si pone a fuoco una casseruola con lardo (o olio d’oliva) e cipolle tagliuzzate; quando la cipolla è ben rosata si aggiungono 500 grammi di castagne sbucciate e pelate, si mescola e si lascia cuocere a casseruola aperta; a cottura avanzata e castagne rammollite si aggiunge di quando in quando un po’ d’acqua , due o tre mele tagliuzzate e si sala.

Cipolle farcite con castagne e funghi:
Le coppe di cipolle lessate vengono farcite con un impasto di residui di cipolle lessate, passato di castagne e funghi (rosati al burro e tagliuzzati), sale, pepe, passato o conserva di pomodoro; si porta al forno con una spruzza sopra di formaggio parmigiano ed una noce di burro.

Frittata di castagne:
Si prepara una normale frittata, si farcisce di passato di castagne zuccherato, si cosparge di Rhum e si serve alla fiamma.

Passato di castagne al latte:
Il passato, aromatizzato con finocchio, viene condito con sale e pepe e quindi portato alla consistenza desiderata con latte caldo.

Frittura dolce di castagne:
In 250 grammi di latte si cuociono 100 g di semolino e 50 grammi di passato di castagne zuccherato, con un pizzico di sale; si prolunga la cottura sino alla densità desiderata e si stende la pasta in teglia in strato di 1-2 cm; si tagliano delle porzioni/fette che dopo impanatura vengono fritte.

Crocchette di castagne alla vaniglia:
500 g di passato zuccherato e vanigliato si impastano con burro e 8 tuorli d’uovo; si stende in teglia in strato di 1-2 cm e si procede come sopra.

Bocconcini al cioccolato:
A 300 g di passato si aggiunge un po’ di latte, due bicchierini di Rhum, 100 g  di zucchero al velo e 2 cucchiai di zucchero vanigliato; si omogeneizza il tutto a fuoco e si lascia raffreddare; se ne fanno dei bocconcini sferici che si passano in cioccolato grattugiato e si mettono per qualche istanza alla bocca del forno in modo che il cioccolato, fondendo, aderisca bene.

Frolline di castagne:
Simili sono le frolline di castagne che si preparano a freddo amalgamando il passato con burro, Rhum e zucchero; si passano poi nel cioccolato grattugiato e si consumano fredde.

Pane dolce di castagne:
500 g di passato si impastano con 300 g di farina , 300 g di zucchero, 2 uova, un po’ di burro e vaniglia come aroma;
si lavora la pasta e si fanno dei panetti; si fendono nel mezzo, si indorano con tuorlo d’uovo e si cuociono su lastra in forno caldo. 

Dolce di castagne al cioccolato:
Si sciolgono in poca acqua 100 g di zucchero e 100 g  di cioccolato in acqua a caldo sino ad ottenere una pasta omogenea; si incorporano 2000 g di passato aggiungendo Rhum e vaniglia; si passa allo staccio, si mette nelle formelle e si copre con panna montata.

Dolce di castagne con savoiardi:
Si impastano 150 g di burro e 150 g di zucchero fine vanigliato; si amalgama con il passato di 1000 g di castagne aggiungendo un bicchierino di sciroppo di vaniglia; si rivestono gli stampi o lo stampo unico con savoiardi imbevuti di acqua sciroppata (o altro secondo i gusti), si riempie con la pasta preparata , si copre con savoiardi (preparati come sopra), si mette in frigorifero per indurirlo; si serve cospargendolo di amaretti macinati.

Budino di castagne:
Si stemperano 400 g di passato (zuccherato ed aromatizzato con vaniglia) con 50 g di latte; si aggiungono tre tuorli  d’uovo e si miscela bene; quindi si aggiungono i tre albumi sbattuti a neve ed uva sultanina; si versa il tutto, ben lavorato, in stampo, si cuoce in forno e si serve con contorno di panna montana. Variante: 300 g di passato di castagne, 2 cucchiai di zucchero, 1 noce di burro ed asciugare bene in casseruola a fiamma bassa; portare a bassa temperatura (appena tiepido) unire 3 tuorli d’uovo uno alla volta mescolando e quindi i tre albumi montati a neve; imburrare una casseruola da 1 litro, mettere l’impasto e cuocere a bagnomaria per 45’ ( deve rassodare).

Soffiato di castagne:
Si stemperano 350 g di passato con 50 g di latte, si addizionano tre tuorli d’uovo, un pizzico di sale, una noce di burro,  50 g di formaggio grattugiato ed infine i tre albumi montati a neve; si pone in stampo imburrato e si cuoce in forno per 30’ a calore modico. Variante: (soufflé) il passato di 500 g di castagne si impasta con 3 albumi montati a neve; si imburra uno stampo per soufflé e vi si versa l’impasto; infornare a forno caldo e cuocere a 220°C per 10’-15’. Si serve moderatamente caldo.

Focaccia di castagne:
Si bollono in acqua,  per  5’ esatti, 1000 g di castagne, si sbucciano, si pelano, si cuociono a fondo in 1,5 litri di latte e si passano allo staccio; al passato si aggiungono 200 g di zucchero, 150 g di burro e tre cucchiai di Maraschino; si aromatizza con vaniglia, si impasta bene aggiungendo 10 tuorli d’uovo e quindi  i 10 albumi montati a neve; si versa in teglia, si cuoce per 30’ e dopo cottura si orna con zucchero al velo.
Variante di Bagnone: lessare 500 g di castagne per 30’, scolarle, sbucciarle e passarle al passatutto; tritare finemente 100 g di mandorle; montare i rossi di 4 uova con 200 g di zucchero, unire 50 g di burro ammorbidito, la scorza grattugiata di 1 limone, il passato di castagne, le mandorle tritate ed amalgamare bene; montare a neve i quattro bianchi d’uovo ed unirli all’impasto; infarinare ed imburrate una teglia; versare l’impasto finale e cuocere in forno a 200°C per 40’.

Torta di castagne:
500 g di passato, aromatizzato alla vaniglia, si impastano bene con 4 albumi montati a neve; si aggiungono ora 70 g  di burro miscelato con 140 g di zucchero ed i 4 tuorli d’uovo; si dispone il tutto in teglia e si cuoce al forno a calore modico; quando la torta è fredda si cosparge di zucchero al velo. Alcune varianti prevedono farina di grano, Rhum, lievito.

Strudel di castagne:
Si prepara la normale pasta per strudel e si lascia su tovagliolo infarinato; si prepara l’impasto con il passato di 2,5 kg di castagne, cotte nel latte, con 100 g di lardo tagliuzzato, 4 cipolle grosse pure ben tagliuzzate, un pizzico di paprica, 1 kg di peperoncini dolci cotti e spezzettati, 12 uova intere e condendo con sale e buccia di limone grattugiato.
Si stende il tutto sulla pasta dello strudel, si arrotola e si cuoce il tutto al forno per 1 ora  in tegame ben imburrato (la dose è per  10 persone). Esistono varianti di questa ricetta originale ungherese che prevedono frutti vari al posto di cipolle e peperoncini.

Gelato di castagne:
A 200 g di passato si aggiungono 500 g di latte, 150 g di zucchero, 1-3 tuorli d’uovo; si fa bollire adagio per 15’ i casseruola scoperta; si aromatizza con zucchero vanigliato, si fa raffreddare e si versa in sorbettiera per far congelare.

Conserva e marmellata di castagne(marronata):
Si stemperano in casseruola 500 g di passato in uno sciroppo bollente fatto con  500 g di zucchero, 300 g d’acqua; si lascia bollire per 30’ e si aggiungono un bicchierino di Rhum e vaniglia indi s’invasa.
Spingendo più oltre la cottura e la concentrazione  il prodotto è più sodo e può essere subito consumato dopo essere stato disteso, essiccato all’aria, tagliato a quadretti, cosparso di zucchero al velo e usato come confettura. 

”Bon bon di castagne”:
Questo dolcetto è un poco complesso in quanto richiede 700 g di passato semplice cremoso (ottenuto da 400 g di castagne cotte con 250 g. d’acqua, 50 g di latte ed un pizzico di sale) , 50 g di zucchero, 100 g di mandorle macinate, 50 g di burro, 50 g di cacao amaro, 2 cucchiai di Kirsch.
Mescolare bene in casseruola zucchero e mandorle; aggiungere il passato cremoso freddo, poi il burro, poi il cacao amaro, poi il liquore. Preparare delle palline di 2 cm,  passarle in cacao in polvere e porle con cura in pirottine di carta.  Abbellirle con un poco di zucchero a velo e servire.

Zuccotto di castagne:
Montare il tuorlo di 1 uovo con 40 g di zucchero a velo ed incorporare 300 g di mascarpone e dividete in due parti questo impasto; preparare ora un passato cremoso con 600 g di castagne
(cotte in acqua aromatizzata con due foglie d’alloro e sale)  e, in una tazza,  100 g di amaretti, ridotti a pezzettini, aromatizzati con  3 cucchiai  di liquore all’amaretto. 
Unire ora il passato di castagne ad una metà dell’impasto al mascarpone; all’altra metà aggiungere gli amaretti in modo da avere due nuovi impasti omogenei.
Preparare uno stampo, rivestirlo con pellicola per alimenti e quindi con fettine di pan di Spagna bagnate al rhum (1 parte di rhum+ 1 parte di acqua). Collocare sul fondo la crema agli amaretti e coprirla con le solite fettine di pan di Spagna al rhum; sovrapporre ora la crema alle castagne e coprirla con  fette di pan di Spagna al rhum (un poco più spesse). Coprire e lasciare 2 ore in frigo. Ora si può capovolgere e guarnire la sommità con tre o più marroni glassati (in modo che ad ogni ospite tocchi anche un marrone).

Semifreddo ai marroni: 
Mescolare, in zuppiera, 200 g di zucchero, una bustina da 1 g di vaniglia, acqua e far cuocere 10’ a fiamma bassa in modo da ottenere lo sciroppo; mescolare a freddo lo sciroppo con 5 tuorli d’uovo e fare ancora una piccola cottura (10’) a fiamma bassa; aggiungere ora, sempre a freddo, 400 g di passato di castagne, un bicchiere (150 ml) di rhum chiaro ed amalgamare bene; montare 750 ml di panna ed unirla alla precedente crema con cura in modo che  non si smonti. Ungere uno stampo lungo con olio di mandorle e versare il composto preparato livellandolo bene. Porre il tutto in freezer per 5 ore e capovolgere prima di servire il piatto che sarà decorato con marroni glassati e qualche ciuffetto di panna.

Tronco di castagne:
Far cuocere 500 g di castagne in acqua aromatizzata con alloro e sale; spellare bene le castagne (a freddo). Preparare ora in un impasto secondo il seguente ordine: 100 g di zucchero, 50 g di cacao, 50 ml di latte, 50 ml di Cognac ed aggiungere le castagne passate o macinate a parte così da avere un composto uniforme che si stende su un canovaccio umido.
Preparare una farcitura secondo la seguente scaletta: 100 g di zucchero a velo, 2 tuorli d’uovo, una mezza tazzina di  buon caffè, 120 g di burro (dopo ogni aggiunta miscelare bene).
Stendere la farcitura sul composto di castagne ed arrotolare a tronco; portare su piatto lungo e ritoccare la farcitura sulla parte esposta  ornando con incisioni varie e ciuffetti di panna montata.  (R.SP.)

Castagne al  latte:
Si lessano e si consumano calde in latte freddo aromatizzato con cannella o vaniglia.

Castagne al vino:
Si cuociono in poca acqua sino a metà cottura ; si aggiunge ora un bicchiere di vino rosso generoso, una noce di burro, due cucchiai di zucchero; si prolunga la cottura, agitando, sino che rimangono asciutte.

Busecchina:
Si lasciano le castagne secche in ammollo per una notte e quindi si cuociono lentamente in poca acqua; prima della cottura finale si versa un bicchiere di vino bianco secco; appena cotte si servono subito e si mangiano con panna.

Palline:
Si pesano 300 g di castagne secche  e si lasciano in ammollo per 2 ore in 1,5 lt d’acqua ; si portano ora in casseruola con la loro acqua (filtrata), una foglia d’alloro, un pizzico di sale e si cuoce a fiamma bassa per 1 ora.
Togliere le castagne ed asportare le pellicine ancora aderenti; portare di nuovo in casseruola le castagne e coprirle con latte (0,5 lt) aggiungendo e cucchiai di zucchero; cuocere per 20’ a fiamma bassa; lasciare raffreddare ed aggiungere 200 g di mascarpone  e due cucchiai di buon rhum; mescolare bene in modo da avere un impasto omogeneo e compatto; portare in frigo per 15’; in una tazza mescolare ora 1 cucchiaio di cacao e ½ cucchiaio di zucchero; fare delle palline con l’impasto (di circa 1- 2  cm) e passarle nel cacao; sistemarle in piccoli contenitori di carta e metterle in un piatto nel frigo (è un dolce tipico delle Comunioni in alcune aree montane); (R.SP.)

Arrosto di maiale con castagne:
Prendere un pezzo di lonza di maiale da 800; avvolgere con fettine sottili di lardo e legare con spago da cucina; mettere in casseruola di terracotta con tre rametti di finocchio selvatico, 5 spicchi d’aglio interi, 2 foglie d’alloro, 3 bicchieri di latte, una spruzzata di pepe nero ed un bicchierino di buon brandy; laciare marinare bene per qualche ora; mettere in una teglietta da forno insieme a 150 g di castagne secche(messe in acqua tiepida e fatte rinverire per una notte) e cuocere a 180°C per 90’ aggiungendo lentamente e regolarmente il liquido della marinatura; se l’arrosto tendesse a seccarsi occorre coprirlo preventivamente con stagnola (al limite aggiungere un poco di acqua e latte (in rapporto 2:1)

 

 

variabile

[ torna su | stampa articolo | invia ad un amico ]

 

 
 archivio
  crema mou
 Crema Mou Ingredienti: 1litro di latte, 500g di panna, 400g di zucchero, mezzo cucchiaino
  provincia di sondrio
Triacca.Il Vino Distinto  è lieto di invitarla all''inaugurazione  della mostra ''tempo&spazio''di
  Tenuta La Gatta
Dal lontano 1897 Domenico Triacca è presente in Valtellina, quando compra un vigneto di ca.2000 mq e
  Notturni al Ninfeo
Notturni al NinfeoVisite guidate al Ninfeo e ai giochi d'acqua: luogo di grande suggestione, per la
  piatti freddi
 Con la bella stagione in arrivo, pensiamo ai piatti freddi...ecco qualche idea Lingua in salsa
  OMLETTE E BAGUETTE
Ogni tanto mi vien da credere ai miracoli. Come ogni miracolo che si rispetti, si compie dove meno penseresti.Se
  Mangiar freddo
Con la bella stagione, inizia un modo di alimentarsi diverso. Ecco alcune idea semplici e gustoseBOMBOLOTTI
  FORMAGGI RARI
Non è rara la circostanza che coloro i quali conducono ricerche storiche a proposito dei prodotti caseari
  SALOTTOlive
Cosa è?Il progetto SalottoLive è nato nel febbraio del 2007 a Firenze, da un’idea di Claudio Ripoli
  ricette x single
VITA DA SINGLE? POCO TEMPO? ecco alcuni suggerimenti  Pennette sfiziose Ingredienti(per 4) 400
  lo yogurt
E CON L'INIZIO DELLA BELLA STAGIONE AUMENTIAMO IL CONSUMO DI UN ALIMENTO FRESCO, NUTRIENTE E LEGGERO:LO
  insalate
Insalata con Caciotta Ingrediente Principale: Zucchine  Ricetta per persone n.  4  Ricetta
  Realizzare un giardino
Crea il tuo giardino Introduzione Scopo di questa pagina è quello di dare la gioia e la soddisfazione
  Eventi a Minoprio
FIORI&COLORI DI PRIMAVERAApertura del Parco Botanico della Fondazione Minoprio6 aprile – 4 maggio
  LO YOGA
LO YOGA…Quando il respiro è agitato  la mente è agitata,  quando il respiro è calmo anche
  Museo della scienza e della tecnologia
VACANZE DI PASQUA AL MUSEO da giovedì 20 a martedì 25 marzo 2008porte aperte anche a Pasquetta!Museo
  tempo di cucciolate
Parlare di cuccili di cane è sempre difficile, tante sole le razze (senza contare i meticci), che parlarne
  prepara il giardino alla primavera
Un delicato risveglio, ma non solo per noi, anche il giardino vuole attenzioni   Dopo
  Mondo patata e dintorni
La patata è un tubero, ossia la parte sotterranea di una pianta, derivata dalla trasformazione di fusti
  chiacchiere di carnevale
Le chiacchiere sono dolci molto friabili che vengono fritti, oppure, dopo una leggera frittura, la loro
  la fiat 500 auto dell'anno 2088
Fiat, la nuova 500 premiata  a Berlino come auto dell'anno 2008Il premio «Car of the Year» assegnato
  Sacher torte
Sacher Tortela leggenda della SacherIl sedicenne Franz Sacher, capostipite della omonima famiglia di
  casonsei
CASONSEI ( RAVIOLI BRESCIANI ) Ingredienti per 4 persone Per la pasta:300 g di farina, sale, tre uova.
  la fonduta valdostana
La fonduta è un piatto a base di formaggio fuso, tipico della zona alpina compresa tra la Valle d'Aosta,
  oroscopo 2008
Non tutici credono, difficilmente però ci si sottrae dal dare una sbirciata all'Oroscopo.Ecco quel che
  Ricette Medioevali
Follia per follia potremmo deliziare i nostri ospiti con un menù natalizio di impronta mediovale...provare
  pattinare all'idroscalo
La Provincia di MilanoAssessorato all’Idroscalo, sport e politiche giovanili, in collaborazione con
  idee per Sant Ambrogio
Delle idee non solo per il corpo, anche lo spirito va nutrito, ecco alcune mostre che ptreste visitare
  vini speziati
Il cibo servito nel Medioevo era molto speziato: l’alto costo delle spezie permetteva al nobile di ostentare
  La trippa
La trippa è una frattaglia costituita dalla parte di apparato digerente del bovino compresa fra esofago
  Il riso
Il riso il LombardiaNel 1500 le risaie in Lombardia si estendevano su 5.500 ettari diventati 50.000
  Pastore bergamasco
SE PENSATE A UN CANE, PRENDETE IN CONSIDERAZIONE IL CANE LOMBARDO PER ECCELLENZAiI pastore bergamascoL’origine
  Cioccolata, che passione
Con il freddo torna la voglia di cioccolata. Celebrata da Mozart in "Così fan tutte" non ha mai perso
  Triacca
TRIACCA.VINO D’ISTINTO come commentare l'ennesimo riconoscimento attribuito ai Triacca?Nessun commento,
  ZERMATT
Non è esterofilia, ma se pensiamo a una stazione sciistica non possiamo non pensare a Zermatt. La stazione
  mele&mele
La mela è un frutto originario dei paesi dell'Asia centrale e occidentale. Noto fin dall'antichità, è
  castagne
Viene buio sempre prima, fossimo in altri tempi, ci stringeremmo attorno al fuoco, magari aspettando
  la polenta
MAIS e grano, le qualità, come fare una buona polentaFARINA GIALLA è la comune farina da polenta, la
  piatti freddi
In estate, vuoi per il caldo, vuoi perchè c si dedica ad altro, il cucinare trova meno spazio nella
  insonnia estiva
Per dormire bene?Pasta e peperoncino !!!!Ma la regina dei soporiferi resta la banana magari a frappè
  Pesce di lago
Per una volta cari amici delle Groane siam campanilisti: al diavolo orate e branzini, mangiam pesce nostro,
  Passione Yogurt
come fare uno yogurt in casa (senza la yogurtiera)PREMESSA:Se vogliamo preparare in casa uno straordinario
  Insalatone
E' giunto in momento delle insalate. Sono appetitose, leggere e contengono sali minerali adatti a combattere
  peperoncino mon amour
STORIA di una pianta molto piccante e di un businnes mancatoIl peperoncino piccante era usato come alimento
  erbe aromatiche & spezie
Erbe aromatiche e spezie: usi e virtù.Ci seguon per tutta la vita, i loro nomi son così familiari..che
  navigare per fiumi
La riscoperta della lentezza, dei ritmi blandi, di un "adagio" esistenziale almeno nel tempo libero,
  Formaggi lombardi
La Lombardia, per la sua particolare geografia che va dai ghiacciai dell'Adamello alla bassa padana
  rifugi lombardi
Tutti al mare..recitava una ironica canzoncina degli anni '60.Se per una volta abbandonassimo le spiagge
  orti botanici
Gli Orti Botanici Sin dai tempi più antichi l'uomo ha fatto ricorso ai vegetali per curarsi, raccogliendo
  frittate
Con l'inizio della bella stagione vien voglia di muoversi, magari andiamo a casa di amici o più facilmente
  donne del vino
Il vino e le donne: era come dire "diavolo e acquasanta". Oggi le donne del mondo enologico
  Rubbia
Rubbia, dopo anni in Spagna, dove ha ottenuti importanti risultati nella progettazione e ralizzazione
  uomini e cani
Uomini e caniPrimavera , tempo di cucciolatela storia del rapporto tra l'uomo e il cane è antichissima
  come vincere la depressione
Vincere la depressione Dalla depressione si può guarire, ma è necessario individuare con precisione le
  vivere lento
Il 19 febbraio 2007 Organizziamo la giornata della lentezza Adesioni spontanee da tutto il mondo alla
  Slow Food
Slow Food, da una intuizione di Carlo Petrini è sorta questa straordinaria associazione che ci viene
  Il miele
andando incontro all'inverno l'uso del miele è consigliato per le sue straordinarie proprietàIl miele
  Riso in Lombardia
La ricetta per gli SPATZLI (gnocchetti tirolesi) ricetta inviataci da Valentina la nostra corrispondente 
  Tartufi in Piemonte
Nel vicino Piemonte, una serie di sagre golose e una occasione per visitare una delle regioni più
  benessere dalla A-Z
Breve sommario delle principale cure naturali che si possono fare in qualsiasi centro termale e del
  La propoli
Autunno: parola d'ordine, prevenzione.E' stata un'estate dalle condizioni climatiche un pò anomale,
  curarsi con le erbe
Le erbe sono presenti da secoli nella farmacopea dell'uomo. In Occidente con l'evolversi dei mecccanismi
  giardini storici
Andar per giardini costituisce una esperienza interessante. Permette di usare tutti i sensi in luoghi
  l'altra Venezia
La laguna veneta non è solo Venezia. Anzi, se si abbandona l'idea della Serenessima con la "S" maiuscola,
  le rose antiche
Da qualche tempo, c'è un ritorno alle rose. Non quelle solite, recise che si usano per le ricorrenze.
  biomercatini
LOMBARDIA Provincia di Bergamo NATURALBERGAMOquarto sabato di ogni meseBergamo - Lungo il SentieronePer
  varese ligure
La notizia è di pochi giorni fa.Varese Ligure ha ottenuto un altro riconoscimento europeo quale paese
  vacanze in convento
Ormai le vacanze tradizionali sono spesso fonte di stress, a quello quotidiano aggiunguiamo un'altra
  terme di Vals
E' una esperienza che raccomandiamo a tutti...in un angolo remoto della Svizzera, sorge Vals, un paesino
  Elisir
GLI  ELISIR In erboristeria, sono definiti elisir i preparati alcolicicorroboranti. In pratica
  come evitare figuracce in una enoteca
ABBOCCATO Si dice di un vino la cui dolcezza è percepita distintamente ACERBO Vino dal sapore brusco,
  Il vivere lento
Segnaliamo un libro molto interessante uscito recentemente: SOFT ECONOMY,  di Ermete Realacci e
  visualizza tutti >
 
 
vivere il territorio

Monza, il nostro
nuovo capoluogo:
4 passi per il centro

... vai>>

arte & cultura
Genius Loci
Isola della Palmaria
Porto Venere
... vai>>

il Picchio vigila

Vacanze Romane
2 surfer di groane in viaggio
a Roma..impressioni

... vai>>

l'arte del buon vivere

Tutti noi abbiam mangiato la caramella mou ma la crema è tutt'altra cosa

... vai>>
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 oggi è il 20/06/2019  - Pagine viste: 9897322