l'attualita'

Euroflora 2018

euroflora-2018-443422.660x368.jpgManca poco alla kermesse più colorata e profumata d'Italia: imperdibile

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Gloria e i tartufi

gloria_tartufi_orobici.jpgGloria Bonucci, la signora dei tartufi, ci regala un'intervista dove spiega del come una passione sia diventata una professione

Leggi tutto...
 

l'editoriale

L'onda lunga di EXPO si fa sentire. Milano è profondamente cambiata e da quell'evento ha saputo trarre giovamento: è l'unica città italiana in grando di competere alla pari con le grandi città europee.
Prova ne è l'ultima edizione del Salone del Mobile e del relativo Fuori Salone. Un milione di visitatori lungo i quattro giorni dell'evento in giro per la città. La capacità di fare squadra, la voglia di intraprendere, lo spirito milanese in poche parole, stanno vincendo le sfide della globalizzazione.
Purtroppo Milano è di un altro Pianeta rispetto al resto del Bel Paese, che continua ad arrancare.
Nel frattempo siamo senza Governo. Va la che andiamo bene ;-)

 
 
Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

 

vivere il territorio

Caminadè
caminadellaok.jpgVuoi mangiare buono e sicuro a Milano? In pieno centro storico c'è Caminadè
Leggi tutto...
 

arte & cultura

La Torre/Prada

logoprada.jpgInaugurata la nuova sede della Fondazione Prada: successo immediato

Leggi tutto...
 

il buon vivere

Enolia 2018

logoenolia.jpgUn evento dedicato all'olio EVO nella magnifica cornice del Palazzo Mediceo di Seravezza (Lu)

Leggi tutto...
 

tempo libero

'A Vita Bio

logo_avita_bio.jpgAgricoltura Dauna: Olio EVO Bio e granaglie altrettanto Bio. Una giovane coppia vive la modernità in agricoltura

Leggi tutto...
 

Le rubriche di groane.it

Le rubriche di www.groane.it , sono lo strumento principe per interagire con noi.
Chiediamo la vostra collaborazione, le vostre competenze, i vostri suggerimenti, le vostre critiche. Consideriamo queste rubriche uno spazio da condividere con voi, dove noi saremo semplicemente i coordinatori delle vostre segnalazioni, Dalla salute, agli itinerari, dal tempo libero, alle iniziative, dalle vostre competenze informatiche, alle ricette
datevi da fare… scriveteci info@groane.it
lo staff
 

otto e mezzo

Di Maio? Vaffan...

Il sentiment della base grillina, non è più in sintonia con i vertici del M5S: non vogliono l'alleanza con il Pd

 

itinerari

Frutta in città

Questa volta andiamo raccogliere frutta nel centro di Milano...e a ottimi prezzi

 

sport & salute

Tifosi Roma

Le conseguenze dei comportamenti dei tifosi della Roma a Liverpool

 

il picchio vigila

Bullismo-Lucca

Prime conseguenze per l'episodio di bullismo a Lucca: 3 bocciati e 3 sospesi

 

le vostre ricette

Beverone alla frutta

Un drink per i giorni primaverili, con molte possibili varianti che deciderete voi

 

tecno-logica

Monica Bianchesi

C'è anche Monica Bianchesi, astrofisica, tra gli scienzati più influenti al Mondo

 
 

Lo sapevi che...?

Boom dei vini Bio

E' boom del vino biologico

Cresce il vino biologico nel mondo, in particolare in Europa e in Italia. Già nel 2016 nel mondo gli ettari di vigneto biologico erano 380.000, oltre il 5% dell’intera superficie a vite. Questa superficie è concentrata in Europa: i 328mila ettari di vigneto biologico del Vecchio continente pesano già per l’8,5% del totale, e continuano a crescere.4bott.gif

E nel Vecchio Continente un posto d’onore è riservato all’Italia, dove si trovano ben un terzo dei vigneti biologici europei e dove il tasso di crescita ha dell’impressionante: “Nel 2012 coltivavamo con metodo biologico 52.000 ettari, nel 2016 la superficie ha superato i 103.500: un raddoppio in soli quattro anni, il segnale più evidente che il mercato del vino ha imboccato la strada della sostenibilità", spiega Mariagrazia Mammuccini, viticoltrice in Toscana e consigliere delegato di FederBio.

In Italia nel 2016 la superficie a vigneto biologico è aumentata del 23,8% a livello nazionale, ma con picchi superiori al 40% in sette regioni; in Basilicata si è sfiorato il raddoppio in un anno, da 539 ettari a 1065.

La produzione di vino biologico italiano è di circa 500 milioni di litri, destinati al canale delle enoteche, dei negozi specializzati in prodotti biologici, alla grande distribuzione (in cui nel 2016 le vendite sono aumentate di un eloquente 65% per gli spumanti bio, dell’85% per i vini Doc e Docg e di un incredibile 118% per i vini a indicazione geografica), alle vendite dirette nelle aziende agricole e all’agriturismo, alla ristorazione di qualità.

Nell’ultimo anno nei supermercati italiani le vendite di vini biologici piemontesi sono aumentate del 415%, quelle dei vini bio dell’Emilia Romagna del 233%. A +176% i vini biologici siciliani, +107% per quelli delle Marche, +70% per i toscani, e così via, tutti con segno positivo.

Il successo non è solo sul mercato interno, anzi: cresce l’export (che rappresenta ancora lo sbocco più significativo per le cantine biologiche italiane). I mercati più rilevanti sono Germania, Stati Uniti, Svezia, Canada, Svizzera, con una sorprendente Cina come sesta destinazione, seguita da Regno Unito, Giappone e qualche altra decina di mercati di peso minore.

Certo non è ora tutto quel che luccica: bisogna imparare a leggere attentamente le etichette. Capire la differenza tra vino Bio e vino da uve Bio.
Una particolare attenzione è sapere chi certifica il vino: fidatevi solo dei certificatori noti e quindi affidabili. Il prezzo poi fa la differenza: Una vigna Biologica, produce meno di una vigna ad agricoltura convenzionale e questo si rifletterà sul prezzo.logo-biologico-europeo.jpg
E poi puntate sui piccoli produttori, che vinificano vitigni autoctoni, fidatevi meno dei soliti vitigni internazionali. Inoltre verificate che il vignaiolo vinifichi solo le sue uve.
Frequentare piccoli vignaioli Bio, vi permetterà di meglio conoscere il terroir.
Attenzione alla quantità di solforosa presente: stabilizza il vino, ma se presente in quantità eccessiva fa venire il mal di test...e buon BIO a tutti