l'attualita'

La Gubana della nonna

logogubana_nonna.jpgForte la tradizione friulana, ma con una strizzata d'occhio anche a altre realtà

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Razzismo?

corvetto.jpgCome si diventa Leghisti dopo aver militato a Sinistra per tutta la vita

Leggi tutto...
 

l'editoriale

La bella estate.
Non c'entra Cesare Pavese...ma è comunque una bella estate incasinata. Dai migranti, al pasticcio dell'ILVA, dai tribolamenti del Ministro Tria, fino alla Legge sulle armi, non ci si risparmia nulla. Ogni giorno una sorpresa.
Mai, però che ce ne fosse una buona. Siamo nelle mani di dilettanti che hanno dalla loro certamente in consenso popolare, ma che di come si governi un Paese sanno ben poco. I tecnici cooptati nel Governo, quanto reggeranno al dilettantismo dei politici con i quali condividono le responsabilità?

 
 
Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

 

vivere il territorio

Az. Agricola Ilio

logo_cinzialumache.jpgDalla Farmacia all'allevamento di lumache. Cinzia Odorizzi e la sua famiglia, hanno deciso di cambiare vita

Leggi tutto...
 

arte & cultura

Leonardo Parade

da_vinci_self_portrait.jpgIl Museo Nazionale Scienza e Tecnologia: prima iniziativa realizzata in vista delle celebrazioni per il V° centenario della morte del Genio

Leggi tutto...
 

il buon vivere

S. Maria la Palma

logolapalma.jpgIl dialetto è il Catalano, ma i vini sono Italiani, anzi sono vini Sardi e di ottima qualità

Leggi tutto...
 

tempo libero

Puni distilleria

logopuni.jpgGlorenza, riserva sempre piacevoli sorprese, per esempio si produce Whisky, e che Whisky

Leggi tutto...
 

Le rubriche di groane.it

Le rubriche di www.groane.it , sono lo strumento principe per interagire con noi.
Chiediamo la vostra collaborazione, le vostre competenze, i vostri suggerimenti, le vostre critiche. Consideriamo queste rubriche uno spazio da condividere con voi, dove noi saremo semplicemente i coordinatori delle vostre segnalazioni, Dalla salute, agli itinerari, dal tempo libero, alle iniziative, dalle vostre competenze informatiche, alle ricette
datevi da fareā€¦ scriveteci info@groane.it
lo staff
 

otto e mezzo

Nokia, Banana

Se il buon giorno si vede dal mattino, dovrebbe essere un successo

 

itinerari

Valmalenco estate

Un'idea di Valtellina diversa, tra pietra ollare, grandi montagne e ottime tradizioni gastronomiche

 

sport & salute

Occhio al caldo

Precauzioni da prendere contro le ondate di caldo di questi giorni

 

il picchio vigila

Nibali

Nella tappa dell'Alp d'Houez, Nibali cade per colpa di uno spettatore. I suoi avversari lo aspettano, tranne uno...

 

le vostre ricette

Frescure in tavola

Un insolito Gazpacho, che in questa ricetta sposa l'anguria. Sfiziosissimo

 

tecno-logica

Ferrari 250 GTO

Ferrari 250 GTO, la "Gioconda" delle auto punta al record. Un esemplare del 1962 verrà battuto all’asta ad agosto e potrebbe avvicinarsi ai 39 milioni di €

 
 

Lo sapevi che...?

All'ONU, son fuori di testa

Onu, agroalimentare italiano sotto accusa:
«Olio e Grana come il fumo»

Il Parmigiano reggiano, il Prosciutto di Parma, ma anche la pizza, il vino e l’olio d’oliva. Tutti rischiano di fare la fine delle sigarette: tassati, e con tanto di immagini raccapriccianti sulle confezioni per ricordare che «nuocciono gravemente alla salute».
L’Organizzazione mondiale della sanità e l’Onu hanno dichiarato guerra al diabete, al cancro e alle malattie cardiovascolari: i morti per queste malattie non trasmissibili dovranno essere ridotti di un terzo entro il 2030. Come?parmigiano.gif

Riducendo nella dieta l’apporto di grassi saturi, sale, zuccheri e alcol. Il guaio è che sotto il fuoco amico dell’Oms rischiano di finirci anche i prodotti a più alta qualità del made in Italy.
Come il Parmigiano reggiano: per un grammo di sale di troppo, finisce per essere equiparato al fumo.
Con buona pace dei principi della dieta mediterranea, riconosciuta come la più salutare anche da quella stessa Oms che ora la attacca.

Scordamaglia, presidente di Federalimentare:
«La filiera è mobilitata. Fronte comune con i Paesi della dieta mediterranea»
L’industria agroalimentare non ci sta: tutto questo non solo non è buono per le aziende, ma nemmeno per i consumatori poiché - sostiene - l’idea che tali misure possano ridurre l’impatto delle malattie non trasmissibili non ha solide basi scientifiche.
Esistono ricerche recenti che dimostrano che il diabete e le malattie cardiovascolari non sono determinate da un solo fattore, ma hanno molte cause: genetiche, stile di vita, eccesso di alimentazione o mancanza di movimento.
Tra cibo e determinate malattie, insomma, non esisterebbe una correlazione esclusiva.

Il D-Day è fissato per il 27 settembre, quando a New York si terrà un incontro di un giorno intero dell’assemblea generale delle Nazioni Unite a livello di capi di stato e di governo per affrontare i temi relativi alle malattie non trasmissibili.
È qui che andrà ai voti la proposta su cui l’Onu sta lavorando proprio in queste settimane, e che potrebbe prevedere nuove, pesanti tasse sui prodotti alimentari contenenti grassi, sale e zuccheri.
Allo studio c’è anche l’inserimento di avvisi di pericolo sulle confezioni di molti prodotti alimentari per scoraggiare il loro consumo, simili a quelli usati proprio per le sigarette.

Agroalimentare italiano, le garanzie del Ceta
Ora, tra una risoluzione dell’Onu e una nuova normativa a livello nazionale la strada è lunga, perché per le risoluzioni non c’è alcun obbligo di recepimento da parte dei governi sovrani.
Ma è vero che un’indicazione dell’Onu resta un’importante fonte di indirizzo delle scelte degli Stati, una luce verde autorevole che fa da ombrello di protezione a qualsiasi parlamento volesse adottare misure coerenti con la risoluzione stessa.
Le sanzioni alla Russia, per esempio, sono state decise proprio sull’onda di una risoluzione dell’Onu.
E in molti sono propensi a pensare che parecchi governi del Sudamerica, più “sensibili” alle indicazioni delle istituzioni internazionali, una volta approvata la risoluzione potrebbero procedere con misure punitive nei confronti dell’agroalimentare.

 L’Analisi
L’industria italiana è tutta in allarme. Dai produttori di olio d’oliva alle cantine vinicole, dai formaggi dop alla Ferrero.
Lo stesso presidente della multinazionale di Alba, l’ex ambasciatore (anche alla stessa Onu) Francesco Paolo Fulci, dal palco del convegno inaugurale di Cibus 2018 aveva pubblicamente lanciato una forte invettiva contro la proposta di risoluzione delle Nazioni Unite.
A rischio ci sono gli oltre 41 miliardi di export che l’Italia ha messo a segno nel 2017, e che in caso di una levata di scudi sarebbero difficili da replicare.

Ma il made in Italy non è l’unico preoccupato: un fronte comune si sta coagulando, tra i Paesi cosiddetti della dieta mediterranea, per proteggere i migliori prodotti della tradizione alimentare.
Dai formaggi francesi alle olive greche, passando per il jamòn iberico.
Uno studio dello Iea sostiene che se a tutte le bevande e a tutti i cibi contenenti zucchero, sale o grassi saturi venisse per esempio applicata una tassa del 20%, l’aggravio nel carrello della spesa di una famiglia media sarebbe di 546 euro all’anno in Italia, di 612 dollari negli Stati Uniti e di 458 sterline in Gran Bretagna.
Nel complesso, i consumatori italiani avrebbero ogni anno 13,5 miliardi in meno da spendere.

Onu, agroalimentare italiano sotto accusa: «Olio e Grana come il fumo»
Chi trarrebbe vantaggio, invece, da una simile risoluzione delle Nazioni Unite? Per capirlo, basta guardare a quello che è successo in Europa, da quando la Gran Bretagna per prima, e poi la Francia, hanno adottato le etichette nutrizionali a semaforo per gli alimenti, una vicenda per molti aspetti simile a quella che oggi è sul tavolo dell’Onu.
Come ha ricordato la Coldiretti in una recente campagna stampa, questo metodo concede luce verde alla Coca Cola Light, per il suo ridotto contenuto di zuccheri, e semaforo rosso all’85% delle Dop italiane.
E se per vincere basta sostituire lo zucchero con l’aspartame, vuol dire che a guadagnarci sono l’industria chimica e tutti i produttori di sostituti chimici per alimenti.