l'attualita'

L'Albero del Pane

logoalbero.jpgDove meno te lo aspetti, trovi un luogo di delizie, dolci e salate. Provare per credere

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Sanitą
Questa non è una intervista, ma una panoramica sulla Sanità in Toscana
Leggi tutto...
 

l'editoriale

Il Venezuela brucia. C'è in atto un colpo di stato che non promette niente di buono.
Noi Italiani abbiamo interessi non indifferenti in quel Paese. Dal Gas al Petrolio, al settore immobiliare. Sezadimenticare che una buona metà della popoazione è di origine italiana.
Quel che a specie è cheunpaese ricchissimo dimaterie prime sia allla fame

 
 
Mauro Staccioli PDF Stampa E-mail

Mauro Staccioli ha negli occhi l'innocenza di chi è un grande artista.
Come tutti i grandi artisti vive questa sua dimensione, senza enfasi, con una vita fatta di una quotidianità disarmante.studiostaccioli.jpg
In un incontro nel suo buen retiro nel volterrano, ci racconta di questo suo ritorno a casa, a Volterra, dove ha riscoperto l'infanzia, dove immerso in una Wunderkammer dei ricordi ripercorre la vita, tranedone nuovi stimoli e nuove ispirazioni, dove l'humus nel quale si è formato riaffiora. Mauro Staccioli è considerato e a ragione un artista di area milanese. Una città fortemente voluta e dove arrivare è stato faticoso, con tappa intermedia a Lodi, dove a lungo ha insegnato, e dove è nata un'amiciziata durata una vita con un altro grande artista: Giuliano Mauri. L'insegnamento ha, nel caso di Staccioli, una particolare rilevanza, certamente legata alla tradizione toscana
Schivo, poco modaiolo, negli anni della sua permanenza a Milano era raro che si mescolasse a quel caravanserraglio che, ora come allora, frequenta le gallerie d'arte. internostaccioli.jpgCon la politica in testa e l'arte nel cuore, Staccioli, ha attraversato la Milano da bere, senza restarne invischiato, ha fatto politica d'arte e arte politica, coniugando linguaggi coraggiosi quanto rigorosi, senza nulla  concedere alle mode e ai potenti del momento.
Mauro Staccioli, non ha mai disgiunto il lavoro di scultore alla parte più generalmente culturale. Ha promosso iniziative, riviste, dibattiti...un lavoro di promozione della cultura a 360° che ha pochi riscontri tra altri artisti della sua generazione
E di questo si dev'essere ricordato il compianto Pierre Restany, quando, con una telefonata, tanti anni fa, ha raggiunto Staccioli in California e lo ha invitato in Corea...il primo passo che ha portato l'artista Volterrano alla realizzazione della grande scultura prospicente lo Stadio Olimpico di Seul.
Una consacrazione internazionale alla quale hanno fatto seguito altre installazioni sparse per mezzo mondo.mauro-staccioliok.jpg
ma quel che vogliamo riassumere in questo testo è Staccioli uomo, prima ancora che artista. Negli anni ci siamo abituati a artisti bizzosi, se non addirittura altezzosi. Staccioli è l'esempio di chi pur essendo una figura di primaria importanza nell'arte italiana ma non solo, è restato se stesso, un uomo che ha conservato il piacere del fare, del ben fare...come si sarebbe detto una volta: - Un'opera fatta a regola d'arte-.
Per coronare questo ritorno a Volterra, Staccioli ha realizzato una serie di opera gigantesche, che sono sparpagliate attorno a Volterra, ciascuna, con un significato o una collocazione precisa.staccioli_mudima.jpg
Totem, segnali che ripercorrono, rileggono i luoghi della giovinezza di Mauro Staccioli.
"Luoghi dell'esperienza", il titolo di questa magnifica pluri istallazione, che oggi è parte integrante del paesaggio volterrano. Una presenza che riflette la perfetta integrazione tra arte e natura, dove le opere di Staccioli, dialogano con manufatti antichi, in uno scambio che dimostra che l'arte quella vera, non solo non ha età, ma che è in grado di dare valenze positive all'ambiente in cui viene inscritta.
Ora che a Volterra si sta insediando una sede staccata di un'importante Università americana, ancor più le sculture di Staccioli, proprio per il loro linguaggio universale, possono fare da anello di congiunzione tra le due sponde dell'Oceano

BIOGRAFIA
Mauro Staccioli nasce nel 1937 a Volterra e si diploma all’Istituto d’Arte nel 1954. Nel 1960 si trasferisce in Sardegna dove intraprende l’attività di insegnamento nella provincia di Cagliari e fonda, insieme a giovani artisti e intellettuali sardi, il Gruppo di Iniziativa. Nel 1963 si trasferisce prima a Lodi e successivamente a Milano; assumerŠ° l’incarico di direttore del Liceo Artistico di Brera nel 1974/75 e 1978/79 e successivamente del Liceo Artistico Statale di Lovere (BG). staccioli_invito.jpgGli inizi della sua attività artistica sono saldamente intrecciati all’esperienza didattica e a quella di intellettuale e politico militante. Dopo un primo periodo in cui sperimenta la pittura e l’incisione, dalla fine degli anni Sessanta si dedica alla scultura, concentrandosi sul rapporto tra arte e societŠ° e sviluppando l’originale idea di una scultura che si pone in stretta relazione con il luogo - inteso nella sua concezione sia fisica che sociale - nel quale e per il quale è stata realizzata. Il luogo assume cosŠ¼ nel lavoro di Staccioli un ruolo centrale in quanto senza di esso non esisterebbe nemmeno la scultura. lischeto-141.jpgE’ nel 1972 che Staccioli matura l’idea di organizzare una serie di “sculture-intervento” nella cittŠ° di Volterra; la mostra Sculture in città segna una svolta aprendo agli spazi urbani quel che fino ad allora era relegato solo negli spazi chiusi di gallerie e musei. Staccioli ricerca e genera una “scultura-segno” che nasce dall’attenta osservazione di uno spazio e che dialoga con esso sottolineandone le caratteristiche e alterandone la consueta percezione, suscitando domande e possibili risposte. stacciolimodellook.gifDalla mostra del 1972 prende corpo la manifestazione Volterra ’73 curata da Enrico Crispolti che sancisce l’inizio di un nuovo modo di intendere la scultura che trova completa espressione nella mostra Lettura di unambiente - realizzata a Vigevano nel 1977 - che nel titolo stesso ne formula il principio. Dopo una serie di mostre organizzate in gallerie e spazi milanesi (Studio Sant’Andrea, Studio Marconi, Galleria Bocchi) arriva l’invito alle Biennali di Venezia del 1976 e del 1978, anno in cui realizza il celebre Muro, una parete di cemento di 8 metri che ostruisce la visuale del viale d’accesso al Padiglione Italia ponendosi quale segno critico e provocatorio. L’artista sviluppa fin da principio un linguaggio caratterizzato da una geometria essenziale e dall’uso di materiali semplici come il cemento e il ferro, non senza un implicito rimando all’uso che se ne faceva nelle cittŠ° in quegli anni. piramide.jpgGli anni Ottanta si aprono con un intenso intervento, uno squarcio lungo il pavimento dello Studio Mercato del Sale di Milano, che provoca il visitatore a riflettere e a partecipare attivamente attraversando l’opera stessa. Dopo aver realizzato una grande installazione in cemento nel parco di Villa Gori a Celle di Santomato (PT) - intervento che segna anche l’inizio di dialogo proficuo tra scultura e ambiente naturale - il lavoro di Staccioli riscuote una crescente attenzione all'estero. Le sue “idee costruite” trovano infatti collocazione in Germania (Stadtische Galerie, Regensburg; Fridericianum Museum, Kassel), in Gran Bretagna (Hayward Gallery, Londra), in Israele (Tel Hai College) e in Francia (ELAC, Lione). ritrattostaccioli.jpgIn questi anni il linguaggio dell’artista perde la durezza e l’aggressività che lo caratterizzavano, e che rifletteva l’aspro e violento clima politico, per sviluppare nuove forme sculturali. Nascono cosŠ¼ opere che sfidano gli equilibri statici generando effetti di straniamento nell’osservatore, come la forma in equilibrio sulla scalinata della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma del 1981, o il grande plinto sospeso sulla scalinata della University Gallery di Amherst in Massachussetts nel 1984, realizzato in occasione della sua prima personale negli Stati Uniti. Il confronto con l’architettura e l’ambiente urbano trova nuove soluzioni nella genesi dei grandi archi rovesciati realizzati all’interno della Rotonda della Besana a Milano (1987), davanti al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato (1988) su invito di Amnon Barzel e nel piazzale principale del Parco Olimpico di Seul (1988) su invito di Pierre Restany. L’attività negli Stati Uniti prosegue con una mostra al Museum of Contemporary Art di San Diego e con la serie di installazioni realizzate nel parco della Djerassi Foundation di Woodside in California (1987-1991), seguite negli anni Novanta da nuovi interventi e da importanti mostre tra cui quella tenutasi alla Shoshana Wayne Gallery nel 1993. ovalestaccioli.jpgNegli anni Novanta l’artista continua a sperimentare nuove forme: anelli che mettono in risalto il paesaggio, come a Ordino d’Arcalis nel Principato di Andorra (1991) e a Monaco di Baviera (1996); tondi “costretti” negli spazi della Fondazione Mudima di Milano (1992) o in precario equilibrio nel Parco della Fara a Bergamo (1992); sfere che appaiono quasi metafisicamente nella piana di Ozieri in Sardegna (1995). Profondo e proficuo è il legame dell’artista con il Belgio, dove è chiamato a realizzare un intervento al Parc Tournay Solvay di Bruxelles per la Fondation EuropŠ¹enne pour la Sculpture (1996) e dove eseguirŠ° numerosi interventi in spazi sia pubblici che privati, tra cui l’ormai celebre Equilibrio sospeso al Rond Point de l’Europe a Bruxelles (1998). Nello stesso decennio la Corea si fa promotrice di diversi interventi pubblici tra cui l’opera per il Contemporary Art Museum di Kwacheon (1990). arte_in_vista.jpgIn anni recenti la feconda ricerca di Staccioli si è concretizzata in diverse installazioni in Italia e all’estero: Lapiz Building a La Jolla (San Diego 2003), dove una trave di acciaio attraversa la facciata dell’edificio, Taiwan (2003), Porto Rico (2004), Carrazeda de AnsiŠ³es (Portogallo 2008), Voisins-le-Bretonneux (Francia 2008), Greve in Chianti (2009) e Parco della Cupa a Perugia (2009). Nel 2008, in occasione di MiArt, la Galleria Il Ponte unitamente alla Galleria Niccoli hanno eretto temporaneamente in Piazza Duomo a Milano una sua scultura di grandi dimensioni Quadrato dai lati curvi. La collaborazione tra le due gallerie nel 2009 ha prodotto la grande mostra celebrativa, nella sua cittŠ° natale, Volterra - Luoghi d'esperienza, composta da tre mostre e venti sculture ambientali, di cui tredici ancora visibili. Viene inaugurata il 21 marzo 2010 a Motta D'Affermo (Messina) l'imponente Piramide 38°parallelo nel parco di sculture Fiumara d'Arte, ideato da Antonio Presti. Nel 2011 vengono presentate a Catanzaro due importanti mostre monografiche dal titolo Cerchioimperfetto, a cura di Alberto Fiz, una sulle opere degli anni '70 all'interno del museo MARCA, l'altra con opere di grandi dimensioni al Parco archeologico di Scolacium (Roccelletta di Borgia). Di queste, l'opera Anello - Catanzaro 2011, è in fase di installazione nel Parco di Scultura della cittŠ° di Catanzaro. Nel dicembre dello stesso anno è stata installata nel parterre di fronte alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma la scultura in acciaio corten Roma 2011. Il 2012 si apre con la collocazione dell'opera Cerchio imperfetto nel giardino interno dell'UniversitŠ° Bocconi di Milano. In febbraio le gallerie Niccoli a Parma e Il Ponte a Firenze inaugurano in contemporanea Mauro Staccioli - Gli anni di cemento, un'articolata esposizione delle sue opere in cemento degli anni '70, frutto di una ricostruzione filologica, svolta insieme all'artista, del suo lavoro iniziale.
 Staccioli è membro associato dell’Académie Royale des Sciences, des Lettres et des Beaux-arts de Belgique e Accademico Nazionale di San Luca. Vive e lavora a Milano e Volterra.

 
< Prec.   Pros. >