l'attualita'

Somnium

alexsomnium.jpgUn vino di montagna, come pochi se ne bevono, Alex Berlingheri si conferma gran vignaiolo

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Ivan Rapuzzi

rapuzziivan.jpgParla Ivan Rapuzzi che con il fratello Pierpaolo, porta avanti la storica azienda fondata dai genitori: Ronchi di Cialla. Un'eccellenza internazionale

Leggi tutto...
 

l'editoriale

I lavoratori di Alitalia bocciano il piano di ristrutturazione della Compagnia: non vogliono pagare gli errori di strategie della Socità.
Alitalia di soldi pubblici ne ha mangiati e molti e il Governo sembre deciso a lasciare la nostra ex Compagnia di bandiera al suo destino.
Questo lo scenario. Adesso si va verso il commissariamento e se non succede nulla si va verso la sua liquidazione.
Forse è la soluzione migliore, visto che tenere in vita questa società è ormai un accanimento terapeutico.
Certo ci sono in ballo dodicimila posti di lavoro (privilegiati), ma cosa dovrebbero dire le migliaia e migliaia di persone che dalla mattina alla sera di sono ritrovate per strada
?

 
 
Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

 
Il Verdi PDF Stampa E-mail
E così un altro pezzo della ristorazione storica di Milano chiude i battenti. Corrado il titolare dopo 31 anni molla.
A lui che è stato l'autore di una delle rivoluzioni in cucina a Milano e non solo, proponendo le mitiche insalatone, da lui elevate da semplice contorno a pilastro dei pranzi milanesi, per cleinti salutisti e attenti alla linea.
Con la chiusura de Il Verdi, scompare piazza Mirabello. Non va dimenticato che sull'altro lato della piazza, c'era Oreste, mitico ritrovo degli intellettuali milanesi, citato persino da Umberto Eco nel "Il Pendolo di Focault", e poco distante "Il Tombon de San Marc, ritrovo dei giornalisti del Corriere.
Tutto finito, in nome di improbabili cucine Fusion, dove molto si improvvisa e poco si costruisce.
C'è da chiedersi, se tutte le Tv che parlano di cibo, quanti danni facciano, diretti e indiretti. Sono sempre più le famiglie facoltose che finanziano locali per i figli, che poi regolarmente falliscono.
Fare cucina è un mestiere difficile, faticoso e dove è vietato improvvisare.

 
< Prec.   Pros. >