l'attualita'

Sabrina Belotti

logo_sabrina.jpgFormaggio è donna. In Valle Camonica chi comanda nelle Casere porta la sottana, sono loro a far formaggi d'eccezione

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Fiorello Turla

fiorellohome.jpgCi rilascia un'intervista Fiorello Turla, Sindaco di Monte Isola. Un bilancio a un anno della Performance di Christo

Leggi tutto...
 

l'editoriale

E così a Roma la Mafia non c'è. Nel processo di 1°Grado, gli imputati pur avendo comminate pene pesanti, vanno assolti per l'Articolo che temevano di più: il 416Bis reato di Associazione mafiosa. Nonostante le condanne, alla lettura della Sentenza hanno festeggiato.
"...L'associazione è di tipo mafioso quando coloro che ne fanno parte si avvalgono della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e di omertà che ne
deriva per commettere delitti, per acquisire in modo diretto o indiretto la gestione o comunque il controllo di attività economiche, di concessioni, di autorizzazioni, appalti e servizi pubblici o
per realizzare profitti o vantaggi ingiusti per sé o per altri...."

E a Roma, cosa facevano questi signori?

 
 
Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

 
Asparagi allo Speck PDF Stampa E-mail

Orecchiette con asparagi e speck
Un primo leggero e delicato, dove le orecchiette, tipica pasta pugliese di semola di grano duro, vengono avvolte in una semplice crema di asparagi e speck. Non contiene ne uova ne latticini, lo trovate anche nella sezione la cucina intollerante. Se preferiti gusti più decisi, con lo stesso formato di pasta potete preparare queste orecchiette con salsiccia e funghi.
Ingredientiorechiette.gif
400 grammi di orecchiette fresche
 24 asparagi
 80 grammi di speck
  1 scalogno
  1 pomodoro maturo
    prezzemolo
    olio extravergine d’oliva
    sale e pepe

Procedimento
Stufare lo scalogno con poco olio e sale.
Lavare gli asparagi, eliminare la parte finale legnosa e tenere le tenere punte da parte.
Tritare i gambi verdi ed unirli allo scalogno, bagnando il tutto con poca acqua calda.
Portare ad ebollizione l’acqua per la cottura della pasta.
Dividere in due nel senso della lunghezza le punte e saltarle rapidamente in padella con lo speck a listarelle.
Gettare le orecchiette nell’acqua bollente salata.
Mentre la pasta cuoce prelevare 3 cucchiai dell’acqua di cottura ed unirli al sugo di asparagi.
Trasferire il tutto nel vaso del frullatore, unire un cucchiaio d’olio, una macinata di pepe, un cucchiai di prezzemolo tritato e frullare bene il tutto.
Saltare le orecchiette scolate al dente nella salsa, unire le punte, lo speck e il pomodoro a dadini.

Mescolare e servire.

 
< Prec.   Pros. >