l'attualita'

Montini Vini

logomontini.jpgUn'ottimo pretesto per una gita in Oltre Po: un'azienda storica con un secolo e mezzo di vita. Tra tradizione e innovazione

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Giuditta Teresa

giovanni_0.jpgGiovanni Cattaneo, con la moglie Silvana, sono al Top per la produzioni di dolci tipici del FVG, ci racconta della Gubana

Leggi tutto...
 

l'editoriale

In Italia, ogni volta che c'è un evento, sia sportivo, sia civile, diventiamo tutti esperti.
Quando gioca la Nazionale di Calcio, siamo tutti CT, quando c'è la Coppa America di vela, diventiamo tutti strateghi e tattici di vela, ora che è crollato il Ponte Morandi, siamo tutti ingegneri strutturalisti. Poco importa che fior di esperti, diano valutazioni diverse.
E quel che più preoccupa sono i Politici, che hanno gia emesso il verdetto. Un po, un minimo di prudenza ci vorrebbe e sarebbe un segno di maturità

 
 
Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

 
Italia Ko PDF Stampa E-mail
Lo Stadio di San Siro non è bastato a ribaltare la sfida con la Svezia.
Ne abbiamo sentite dii tutti i colori, dalle opinioni sensate alle solite lagne sugli arbitri brutti e cattivi. In realtà tutto potrebbe ridursi a questo: non siamo una squadra competitiva.
Quali le ragioni?
Molte a iniziare da chi governa il nostro Calcio.
Ci saimo dimenticati della battuta sessista del gran capo Tavecchio al suo insediamento? Suscitò un mare di polemiche anche a livello internazionale.
Una volta si diceva che "Il pesce puzza dalla testa". Vero, verissimo. I gran capi del Calcio italico hanno sbagliato tutto: dopo l'addio di Conte (probabilmente aveva capito che la squadra era cotta), è arrivato Ventura, un brav'uomo con nessuna o quasi esperienza internazionale e con un curriculum molto modesto.
Poi i giocatori molto modesti e che spesso trovano poco spazio nelle loro squadre di Club. Dai tempi di Andrea Pirlo non abbiamo più un regista e non abbiamo attaccanti in grado di fare la differenza. La Juventus, che arriva in finale di Coppa Campioni o come diavolo si chiama adesso, lo deve ai suoi giocatori foresti, vedi Dybala, Higuain o Manzukic.
Se pensiamo alla valutazione di Belotti (100 milioni) Cristaino Ronaldo quanto dovrebbe valere?
Se non iniziamo che ha fatto la Germania con una politica attenta ai giovani, al loro inserimento stabile nelle massime categorie, non andremo da nessuna parte.



 
< Prec.   Pros. >