l'attualita'

Vignalta

logovignalta.jpgArquà Petrarca, non solo il Poeta, ma anche vini fortemente identitari

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Governo: si dice che

gverde.jpgIniziamo a fare un giro di telefonate per capire cosa si pensa del Governo

Leggi tutto...
 

l'editoriale

Se ne è andato dopo una linga malattia Gilberto Benetton,la mente finanziaria della famiglia, che ha sdoganato i colori nella maglieria accessibile a tutti.
Non amava la maglieria, ma la finanza. Opera sua la diversificazione delle attività di famiglia, con il rilancio di Autogrill, che ora è un colosso mondiale.
Idem con l'ingresso i Autostrade, che ha portato importanti profitti, con un inciampo terribile come il crollo del Ponte Morandi a Genova.
E adesso che faranno i Benetton?
Difficile diro!!!

 
 
Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

 
Casato dei Capitani PDF Stampa E-mail

Casato dei Capitani: distillato di birra
La nicchia delle nicchie dei distillati. Sono pochi i distillatori che si imbarcano nel distillare la birra: in Italia si contano sulla punta delle dita.
Tra i pochi c'è Distilleria Casato dei Capitani di Cabia, piccola frazione di Arta Terme.
Siamoo in Carnia, terra di confine per secoli e ancora oggi il "sentiment" di questo antico borgo è più Austroungarico che non Italiano

grappabirra.jpg Matteo Gortani è il titolare di questa antica distilleria, unico supestite di una schiera di distillatori che avevano fatto di questo terroir, un punto di riferimento per tutta l'area, Austria e Slovenia comprese.
Durante una nostra visita estiva abbiamo scoperto, o meglio riscoperto i suoi distillati, tra i quali molto ci aveva colpito la Sliwovitz, oggi vogliamo raccontarvi di una piccola grande chicca: il Distillato di Birra, ultimo nato in quel di Cabia.
Facciamo una premessa, quella di distillare birra è una pratica antica, anche se in Italia la si è poco praticata. Noi, molti anni fa restammo stupiti di come un nostro amico tedesco, si era nel Baden Wuttemberg, devesse sorsate di birra alternandolo a piccoli sorsi di grappa di frutta. Ad una nostra precisa domanda su questa sua consuetudine ci disse che non trovando grappa di birra si arrangiava in quel modo.
La cosa ci lasciò incuriositi ma morì li.
Poi la riscoperta la scorsa estate, l'incontro con il distillato di Casato dei Capitani e del suo mentore, Matteo Gortani.
Intanto è una bella bottiglia con una etichetta molto accattivante, e poi la trasparenza: limpida, assoluta.
Il distillato di Birra è fatto con Zahre Beer di Sauris, che racchiude in sé tutto il carattere di un territorio unico: Zahre è l’antico nome di Sauris, famoso per il suo prosciutto.
Si ottiene mediante distillazione a bagnomaria con alambicchi in rame.
Note di degustazione
All'occhio trasperenza assoluta, se fosse la descizione di un diamante si potrebbe definire "river", il massimo della trasparenza
Al naso: effluvio gentile e rotondo con armoniche note di luppolo.
In gola, bella presenza senza essere mai aggrssiva, encomiabile il lavoro del distillatore che crea un distillato di rara piacevolezza.
Un consiglio: ideale come fine pasto...ma provatela con un cioccolato di Modica, oppure se leggermente rinfrescata come bicchiere da meditazione davanti a un buon libro.
Prosit !!!

Distilleria Casato dei Capitani
Via Cabia 169
Arta Terme
Tel. 333 5365690
       338 7282062
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 
< Prec.   Pros. >