l'attualita'

Vignalta

logovignalta.jpgArquà Petrarca, non solo il Poeta, ma anche vini fortemente identitari

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Governo: si dice che

gverde.jpgIniziamo a fare un giro di telefonate per capire cosa si pensa del Governo

Leggi tutto...
 

l'editoriale

Se ne è andato dopo una linga malattia Gilberto Benetton,la mente finanziaria della famiglia, che ha sdoganato i colori nella maglieria accessibile a tutti.
Non amava la maglieria, ma la finanza. Opera sua la diversificazione delle attività di famiglia, con il rilancio di Autogrill, che ora è un colosso mondiale.
Idem con l'ingresso i Autostrade, che ha portato importanti profitti, con un inciampo terribile come il crollo del Ponte Morandi a Genova.
E adesso che faranno i Benetton?
Difficile diro!!!

 
 
Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

 
Gadget tecnologici PDF Stampa E-mail

C'è un'orgia di nuovi gadget tecnologici in arrivo per le Festività. Dai cellulari declinati in modo sempre più sofisticato, alle Play Station, agli elettrodomestici intelligenti.
Tra doppie telecamere in alta definizione sui cellulari, ai robottini che puliscon casa mentre guardate la TV, dai marchingegni multiuso per la cucina, si fa fatica a orizzontarsi. Ma servono tutte queste cose o sono solo Status Symbol?
Cosa ce ne facciamo di cellulari, pardon, Smart Phone, trabiccoli che girano per casa e puliscono (dovrebbero) pulire?
Oppure di quell'affare che taglia, sminuzza, impasta, cuoce,  che dopo esser stato usato al massimo per un paio di volte finisce nel dimenticatoio?
Ci facciamo avvolgere e coinvolgere in un meccanismo infernale, dove conta solo possedere e chi se ne frega se son necessari o meno

 
< Prec.   Pros. >