l'attualita'

Montini Vini

logomontini.jpgUn'ottimo pretesto per una gita in Oltre Po: un'azienda storica con un secolo e mezzo di vita. Tra tradizione e innovazione

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Giuditta Teresa

giovanni_0.jpgGiovanni Cattaneo, con la moglie Silvana, sono al Top per la produzioni di dolci tipici del FVG, ci racconta della Gubana

Leggi tutto...
 

l'editoriale

In Italia, ogni volta che c'è un evento, sia sportivo, sia civile, diventiamo tutti esperti.
Quando gioca la Nazionale di Calcio, siamo tutti CT, quando c'è la Coppa America di vela, diventiamo tutti strateghi e tattici di vela, ora che è crollato il Ponte Morandi, siamo tutti ingegneri strutturalisti. Poco importa che fior di esperti, diano valutazioni diverse.
E quel che più preoccupa sono i Politici, che hanno gia emesso il verdetto. Un po, un minimo di prudenza ci vorrebbe e sarebbe un segno di maturità

 
 
Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

 
Cipolla di Breme PDF Stampa E-mail

Sagra della cipolla rossa di Breme DeCo, dall’8 al 17 giugno 2018 a Breme (PV).
È giunta alla trentaseiesima edizione la manifestazione dedicata alla tipica cipolla rossa di Breme, un prodotto che si fregia del marchio De.Co (Denominazione Comunale), che stuzzica con la sua dolcezza infinita e la sua versatilità ai fornelli. Un’occasione per assaggiare specialità preparate con questo prelibato ortaggio locale, ma anche per farne incetta e acquistare la giusta scorta, per sbizzarrirsi nella cucina di casa.

La cipolla rossa di Bremecipollarossadibremeok.gif
Cipolla Rossa di Breme, “scigula” in dialetto, è la particolare varietà di cipolla che viene coltivata nel territorio che circonda l’abitato di Breme, in provincia di Pavia. La sua storia comincia circa dieci secoli fa: nel 906 d.c. i monaci della Novalesa giunsero a Breme e, come riportato da un’antica Cronaca, “videro che quel luogo era ubertoso, ameno e fruttifero”, lo elessero a sede della Congregazione, ritenendolo “la migliore di tutte le città costruite nel Contado di Lomellina”.
Da allora ben poco è cambiato nelle tecniche di coltivazione e le sementi sono ancora preparate scegliendo una per una le cipolle migliori da mandare in fioritura.
I produttori che la coltivano sono una dozzina, ogni anno ne producono 400 quintali di cui circa il cinquanta per cento viene utilizzato in occasione della Sagra della Cipolla Rossa organizzata dalla Polisportiva Bremese, che nel 2007 ha festeggiato la sua 25ª edizione.
Nel Giugno 2008 l'Amministrazione Comunale ha istituito l’ identificazione De.C.o (denominazione comunale di origine) al fine di caratterizzare in modo inequivocabile “la Cipolla Rossa di Breme”.
Il lavoro richiesto per la coltivazione è complesso: i semi vengono posti a bagno, con luna calante, in sacchi di iuta; successivamente, appena germinati, vengono recuperati e seminati in vivaio.
Dopo un breve periodo le piantine vengono trapiantate in campo, nei pochi terreni verso la golena che da secoli accolgono questa coltura. Il tempo della raccolta giunge a partire da giugno e si protrae per circa due mesi.cipollabreme.jpg
Il sapore della Cipolla di Breme, persistente ma pacato, assolutamente unico e irriproducibile altrove, è ben definito dall’affettuoso soprannome che i suoi estimatori le hanno dato: “La Dolcissima”.
Per questa sua caratteristica, oltre al tradizionale consumo, la cipolla di Breme da sempre si è prestata a interessanti sperimentazioni culinarie e accostamenti solo in apparenza arditi, ma molto apprezzati tipo: marmellata, mostarda, gelato, torta, pizza.
A partire dal 2001 la Regione Lombardia ha finanziato un progetto di recupero e valorizzazione di alcune varietà tradizionali di coltivazioni. Per la cipolla l’attenzione è stata rivolta alla “Paglierina di Sermide”, alla “Rossa di Breme” ed alla “Dorata di Voghera”.
La Polisportiva Bremese nel 2003, ha richiesto ed ottenuto dall’E.R.S.A.F. un certificato sulle proprietà organolettiche della “cipolla Rossa di Breme”.
Da alcuni anni la collaborazione tra Polisportiva e Overland “Terra Viva” di Vigevano, società che si occupa di far conoscere prodotti agroalimentari di nicchia, ha portato la cipolla rossa di Breme sulle tavole dei ristoranti di livello medio alto del Nord Italia. Prova ne è il primo premio ottenuto nel 2007 con il tortino di cipolle rosse di Breme che ha vinto il concorso “Tradizione culinaria e vini di Lombardia”, organizzato dall’Associazione Italiana Sommeliers, per la sezione Miglior Antipasto.
Curiosità: nel 2007 il record di peso della cipolla rossa di Breme è stato di 2041 grammi.

 
< Prec.   Pros. >