l'attualita'

L'Albero del Pane

logoalbero.jpgDove meno te lo aspetti, trovi un luogo di delizie, dolci e salate. Provare per credere

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Sanitŕ
Questa non è una intervista, ma una panoramica sulla Sanità in Toscana
Leggi tutto...
 

l'editoriale

Il Venezuela brucia. C'è in atto un colpo di stato che non promette niente di buono.
Noi Italiani abbiamo interessi non indifferenti in quel Paese. Dal Gas al Petrolio, al settore immobiliare. Sezadimenticare che una buona metà della popoazione è di origine italiana.
Quel che a specie è cheunpaese ricchissimo dimaterie prime sia allla fame

 
 
Karkadè PDF Stampa E-mail

Karkadè: proprietà e benefici per il nostro organismo
Il karkadè, conosciuto anche come tè dell’Abissinia o tè d’ibisco è un infuso che si ricava, appunto, dai petali dei fiori rossi, profumati e bellissimi dell’Ibisco. La pianta, Hibiscus Sabdariffa, da cui si ricavano i fiori per il karkadè, cresce soprattutto in Africa e nelle zone caraibiche, infatti necessita di caldo e terreno sabbioso. I fiori vengono raccolti in autunno ed essiccati per qualche giorno, prima di separare i petali dal resto del fiore e confezionarli. La bevanda, ormai diffusa anche in Europa, dove arrivò dopo il periodo coloniale, è molto apprezzata in Africa, dove oltre al karkadè rosso si consuma anche quello verde. Tuttavia, questo infuso è molto amato non solo per questioni di gusto, ma anche perché porta benefici all’organismo. Vediamo allora insieme proprietà, controindicazioni e preparazione del karkadé.
Il segreto di questa bevanda è racchiuso nelle sue componenti. Il karkadè, infatti, oltre a non contenere caffeina, motivo per cui non è eccitante e si può bere anche la sera, contiene:tazza.jpg

    antociani
    flavonoidi
    tannini
    vitamina A
    vitamina C
    vitamina D
    calcio
    potassio
    magnesio

Inoltre, è praticamente privo di grassi e non contiene colesterolo. Dando un’occhiata ai nutrienti capiamo subito perché il karkadè porti numerosi benefici.

Proprietà e benefici del karkadè
Antociani, flavonoidi e tannini, infatti, sono sostanze presenti in frutta e verdura, a cui conferiscono il colore tipico dei frutti di bosco, ad esempio, e hanno spiccate proprietà antiossidanti, per cui agiscono come ritardanti naturali dell’invecchiamento cellulare. Non solo, come abbiamo visto parlando delle qualità del mirtillo, queste sostanze sono utili per la circolazione, contro fragilità capillare e ritenzione idrica. Le sostanze antiossidanti, come lo stesso acido ascorbico, ovvero la vitamina C di cui il karkadè è ricco, inoltre, proteggono dal colesterolo alto e hanno un’azione antinfiammatoria. Se non bastasse, la sola vitamina C ha proprietà benefiche per il sistema immunitario, migliora la funzionalità del sistema nervoso e la biodisponibilità di ferro, come abbiamo visto parlando delle proprietà del kiwi. Oltre all’azione antiossidante il karkadè è ottimo per le sue proprietà:

    diuretiche
    lassative
    depurative
    digestive
    brucia-grassi.

L’azione del karkadè come lassativo naturale e depurativo viene attribuita alla presenza di mucillagini, sostanze presenti nelle piante e nei fiori utilizzate in fitoterapia soprattutto per combattere stipsi e infiammazioni delle vie respiratorie. Infine, parlando delle proprietà del karkadè non possiamo non citare lo studio pubblicato su The Journal of Nutrition, nel quale si legge che un consumo giornaliero di karkadè abbassa l’ipertensione.
Non ci sono controindicazioni
Considerati tutti questi elementi possiamo dire che ad oggi non sono conosciute particolari controindicazioni del karkadè. Tuttavia, avendo un’azione leggermente lassativa e anti-ipertensiva, la bevanda non è consigliata a chi soffre di pressione bassa, colite con diarrea, in gravidanza o allattamento. In generale, comunque, è sempre bene non superare le 3 tazze al giorno e rivolgersi al proprio medico per ogni informazione che riguarda gli effetti sulla salute. Non ci rimane che vedere insieme come preparare in casa questa bevanda dissetante e rinfrescante.

La tisana al karkadè
I fiori essiccati dell’ibisco si possono acquistare nei negozi di prodotti biologici o nelle erboristerie, mentre il preparato già pronto si trova anche nei supermercati generici. Realizzare la bevanda è molto semplice:

    far bollire l’acqua
    aggiungere una bustina di infuso per tazza o 2 cucchiaini di fiori essiccati
    lasciare in infusione 5-8 minuti
    filtrare o eliminare la bustina
    dolcificare a piacere, preferibilmente con miele.

A questo punto non vi rimane che gustare il karkadè, bollente, ma anche freddo, ottimo come dissetante nella stagione calda, magari aggiungendo ghiaccio e limone. Se preferite, in commercio si trovano anche tisane miste che contengono karkadè e altre piante: ad esempio, è ottimo abbinato a malva e melissa.

Curiosità
Oltre al consumo come bevanda, certamente il più diffuso, il karkadè è utilizzato anche nella cura dei capelli, per renderli lucidi e morbidi, e della pelle, con delle garze imbevute per realizzare impacchi contro scottature e irritazioni.
Il karkadè piace, per il colore rubino intenso, per il profumo fiorito e il gusto deciso. Se però cercate altre idee, potreste leggere le nostre ricette di tisane, per ogni gusto e periodo dell’anno o provare il tè verde, ricco di polifenoli dalle proprietà benefiche.

 
< Prec.   Pros. >