l'attualita'

Vignalta

logovignalta.jpgArquà Petrarca, non solo il Poeta, ma anche vini fortemente identitari

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Governo: si dice che

gverde.jpgIniziamo a fare un giro di telefonate per capire cosa si pensa del Governo

Leggi tutto...
 

l'editoriale

Se ne è andato dopo una linga malattia Gilberto Benetton,la mente finanziaria della famiglia, che ha sdoganato i colori nella maglieria accessibile a tutti.
Non amava la maglieria, ma la finanza. Opera sua la diversificazione delle attività di famiglia, con il rilancio di Autogrill, che ora è un colosso mondiale.
Idem con l'ingresso i Autostrade, che ha portato importanti profitti, con un inciampo terribile come il crollo del Ponte Morandi a Genova.
E adesso che faranno i Benetton?
Difficile diro!!!

 
 
Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

 
Clementi Vini PDF Stampa E-mail

Le origini della famigia Clementi si perdono nella notte dei tempi. Già attorno al 1.100 era attivo in questo terroir, un Bernardino de Clementibus.
Nell'arco di secoli seguirono piccoli spostamenti, per trasferirsi poi, all’incirca nel 1750, più  a valle, nella località di Poiano, nella casa delle “Franche”, dove è rimasta fino al 1870 circa.c81eeb_5b44121e946740f4af86cdc3df4d27d0.jpg
Pietro Clementi, avvocato, ha acquistato nel 1969 la tenuta di Gnirega e, nel tempo, diradati gli impegni professionali, ha avviato l’attività di vignaiolo, accompagnato in questo percorso dalla moglie, signora Bona Murari Dalla Corte Brà, proveniente  da una famiglia di nobili agricoltori della bassa veronese.
Pietro Clementi ha cinque figli, Maria; Aurelio, architetto; Maurizio, avvocato e disegnatore di moda; Giuseppe e Bernardino, avvocati.
Oggi ci sono anche cinque nipoti, Francesca e Pietro Zuegg figli di Maria e Paolo, e Rocco, Gugliemo e Clara Clementi, figli di Aurelio e di Michela De Gresti, che si spera diano continuità all'Azienda.
La Valpolicella - nomen omen potremmo dire sorridendo, pensando al rapporto tra Valpolicella terroir e Valpolicella vino: siamo vicini a Verona, in un territorio oggi diviso in cinque Comuni, fra i quali Marano Valpolicella, sede di Gnirega di Pietro Clementi.casaclementi.jpg
Questa è la patria dell'Amarone, che con Barolo e Brunello sono i vini a bacca rossa più famosi d'Italia e maggiormente conosciuti e apprezzati all'estero.
I vini Valpolicella Classico Amarone, Classico Ripasso e Classico Superiore, tutti D.O.C., Amabile e Rosso Veronese, I.G.T,  sono prodotti dall’avv. Pietro Clementi il sabato e la domenica, con l’aiuto di un amico "complice", vengono imbottigliati a mano, senza filtraggio, nel tentativo più che riuscito, di produrre un vino tradizionale, potremmo definirlo all'antica, preservando le caratteristice che hanno fatto grande questo terroir.

LA NOSTRA DEGUSTAZIONE
AMARONE della  Valpolicella classico D.O.C e  D.O.C.G.amarone.gif
Uve
65% Corvina e Corvinone, 30% Rondinella, 5% Molinara.
Vigneto
Collina Masua, esposto ad ovest altitudine da 350 a 400 mt.
Coltivazione a pergola corta (due fili)
Terreno: argilla e calcare resistente alla siccità
Tipo di vinificazione
Le uve selezionate e raccolte a mano a fine Settembre, rimangono ad appassire in plateaux sino a Febbraio, per accentuare gli aromi e i composti fenolici.
In seguito vengono vinificate in vasche d’acciaio a temperatura controllata per circa una settimana , dove il mosto fermenta.
Vengono eseguiti rimontaggi due volte al giorno, e un delastage a metà del processo di fermentazione.
Il vino quindi, senza essere filtrato,viene travasato cinque-sei volte.
Viene poi messo a riposo prima in botti di rovere per circa 36 mesi e successivamente in barriques di secondo passaggio.
Viene quindi imbottigliato quattro/cinque anni dopo.
Affinamento: in botti di rovere francesi per almeno tre anni.
Bottiglia: LT 0,750
Grado alcolico: 16%
Acidità: g/l 5,1
Zuccheri riduttori: g/l 0,6
Caratteristiche del vino:
L’Amarone si presenta con un bel rosso sangue  di piccione, regala un bouquet di frutta rossa e nera, matura, confettura di
prugna, ciliegia e profumi di frutta secca e marasca. Note speziate di cannella e noce moscata, ben presenti senza prevaricare l'equilibrio.
Un esempio mirabile di un grande “vino da meditazione”.
Servizio: si consiglia di stappare almeno tre ore prima e di servirlo in bicchieri balloon a temperatura di 15-18°C
Sappiate che di Amarone in giro se ne trova, ma difficilmente avrete nel bicchiere una qualità come questa
Sposatelo con voi stessi e pochi fidati amici, magari discutendo di un buon libro davanti a un caminetto
Bottiglie da farne scorta e da dimenticare in cantina

Valpolicella classico superiore RIPASSO d.o.c.ripasso.gif
Uve: 65% Corvina e Corvinone, 30% Rondinella, 5% Molinara.     
Vigneto: Collina Masua, esposto ad ovest –altitudine da 350 a 400 mt.
Coltivazione a pergola corta (due fili)
Terreno: argilla e calcare –resistente alla siccità
Tipo di vinificazione:
Le uve Valpolicella vengono vinificate in Settembre/Ottobre e ripassate sulle vinacce dell’Amarone (le vinacce dell’Amarone non vengono pressate) a Gennaio.
Fermenta  per una diecina di giorni, vengono eseguiti in seguito rimontaggi due volte al giorno e un delastage a metà del processo di fermentazione.
Viene quindi travasato quattro volte, senza essere filtrato, messo a riposo inbotti di rovere da 30 hl e poi in barriques, sempre di rovere,
di secondo passaggio, l’estate successiva.
Affinamento: in botti di rovere francesi, da 30 hl, per almeno due anni.
Caratteristiche del vino:
Inconfondibile la sua persistenza, dai profumi delicati, con i suoi sentori di frutta, pera, ciliegia, marasca, vaniglia.
Gli aromi di frutta secca e spezie derivano dal processo di “ripasso”, la breve fermentazione del vino sulle vinacce dell’Amarone.
Servizio: si consiglia di stappare almeno un’ora prima, e di servirlo in bicchieri balloon a temperatura di 15-18°C
Attenzione, questo non è il fratello minore dell'Amarone. Siamo in presenza di un altro vino, che al limite potrebbe essere paragonato all'antica usanza toscana del vino "governato".
Bottiglia interessante, di ottima beva, ideale compagna di piatti come il pollame in casserruola, ma su tutti gli abbinamenti suggeriamo una bella anatra arrosto...e sarà festa grande

Valpolicella classico SUPERIORE d.o.c.valpolicella_superiore.gif
Uve: 65% Corvina e Corvinone, 30% Rondinella, 5% Molinara.     
Vigneto: Collina Masua, esposto ad ovest –altitudine da 350 a 400   mt.
coltivazione   a   pergola   corta   (due   fili)
Terreno: argilla e calcare –resistente alla siccità
Tipo di vinificazione: Il Valpolicella, vendemmiato a mano,viene vinificato in Ottobre. Fermenta per una diecina giorni, vengono eseguiti
rimontaggi due volte al giorno e un delastage a metà del processo di fermentazione. Viene poi svinato.
Il vino, non filtrato, viene travasato quattro volte, messo a riposo prima in botti da 30 hl, quindi in barriques di rovere di secondo
passaggio, dove il vino si affina per almeno un anno.
Affinamento: in botti di rovere francesi da 30 hl.
Bottiglia: LT 0,750
Grado alcolico: 13,50 %
Acidità: g/l 5,1
Zuccheri riduttori: g/l 0,6
Caratteristiche del vino:
il Superiore è particolarmente pregiato per la sua persistenza, i suoi profumi delicati, per i sentori di frutta, pera e ciliegia, di vaniglia, e la sua avvolgente delicatezza e sapidità che lo rendono facile da abbinare.
Servizio: si consiglia di stappare almeno un’ora prima, e di servirlo in bicchieri balloon a temperatura di 15-18°C
Annate: 2014
Questa bottiglia a bacca rossa esprime al meglio, lo spirito della Verona enologica: seria ma non seriosa, una bottiglia da condividere, in pranzi della festa con tutta la cerchia degli amici. Sposatelo con piatti della tradizione, magari...udite, udite con dell'anguilla in umido con piselli.

Rosso Veronese “Cà del Giovane” I.G.T.cadelgiovane.gif
Uve: 65% Corvina e Corvinone, 30% Rondinella, 5% Molinara.     
Vigneto: Collina Masua, esposto ad ovest –altitudine da 350 a 400 mt. – coltivazione a per gola corta (due fili)
Terreno: argilla e calcare –resistente alla siccità
Tipo di vinificazione:
Il Rosso Veronese viene vinificato in Ottobre in botti di acciaio a temperatura controllata, laddove fermenta per dieci giorni circa, poi vengono eseguiti rimontaggi due volte al giorno, e un delastage a metà del processo di fermentazione. Quindi viene svinato. Viene
successivamente travasato quattro volte, senza filtraggio, e messo a riposo in botti d’acciaio e, successivamente, di rovere.
Affinamento: in botti di rovere francesi da 30 hl.
Bottiglia: LT 0,750
Grado alcolico: 12,50 %
Acidità: g/l 5,1
Zuccheri riduttori: g/l 0,6
Caratteristiche del vino:
E' particolarmente pregiato per la sua persistenza, i suoi profumi delicati, dove emergono sentori di frutta rossa, pera, ciliegia e vaniglia. La sua avvolgente delicatezza e sapidità, lo rendono facile da abbinare: un vino universale. Se proprio volete un consiglio, accompagnatelo a pane e salame o ad altri salumi, magari d'oca
Servizio: si consiglia di stappare almeno un’ora prima, e di servirlo in bicchieri balloon a temperatura di 15-18°C
Annate: 2012
In conclusione, per fortuna in Valpolicella c'è chi canta fuori dal coro e per la verità lo fa molto bene.
Se cercate vini poco omologati e concepiti come prodotti "fuori dal tempo", questa azienda rientra in quei canoni

Prosit

Azienda Agricola Gnirega di Clementi Pietro & C. s.s.
Via Gnirega 2 - Valgatara
37020 Marano di Valpolicella - Verona - Italia
cell. 347 2692201 - 340 4797005
fax 045 590783
 
https://www.vini-clementi.com
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo  

 
Pros. >