l'attualita'

L'Albero del Pane

logoalbero.jpgDove meno te lo aspetti, trovi un luogo di delizie, dolci e salate. Provare per credere

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Che si regala a Natale

regaliintervista.jpgGiro di telefonate per capire cosa si regalerà per le Feste Natalizie

Leggi tutto...
 

l'editoriale

2018, addio e senza rimpianti.
Ne sono successe di tutti i colori, ai quattro angoli del Mondo.
Dalla vicenda Corea del Nord-Usa, alla guerra dei dazi, ai disastri naturali, alle vicende nostrane, e poi la Brexit che ancora non si sa come andrà a finire.
Non è mancato il terrorismo, che ovviamente non va in ferie.
Sul clima, che dovrebbe mettere tutti d'accordo, non c'è accordo e il rischio di andare a schiantarsi, non è così remoto.
Come sarà il 2019? Speriamo in un ritorno al buon senso!

 
 
Uscire dall'alcolismo? PDF Stampa E-mail

Molte persone cercano di bere meno, ma quali possono essere i motivi per spingerti a non bere o quanto meno a bere con moderazione tutto l’anno? Proviamo ad analizzarli insieme.calicevino.gif

1. Trovare una solida ragione per bere di meno
La maggior parte di noi sa che l’alcol è legato a problemi di salute, tra cui malattie del fegato, diabete e malattie cardiache, ma tendiamo a supporre che non ci influenzeranno. Quindi, se quei rischi non ci convincono a smettere, bisogna trovare un motivo che realmente possa spingerci a bere meno come l’effetto dell’alcol sul viso: l’alcol disidrata la pelle, fa sembrare gonfio e gonfia il tuo viso, alcuni credono che le tossine l’alcol contribuiscono alla cellulite. Una pinta di birra può contenere la stessa quantità di calorie di una fetta di pizza, quindi se vuoi perdere peso, inizia anche da lì.

2. Pensare al motivo per cui bevi tanto
Forse ti stai affidando troppo all’alcol a causa di un problema di fondo che non stai affrontando. Pensare e analizzare le tue problematiche ti dà la possibilità di vedere quanto sei dipendente dal bere e quanto meglio ti senti senza di esso.

3. Trovare qualcuno che lo faccia con te
Il fatto che un sacco di persone si siano iscritte a Go Sober per ottobre può aiutare a rimanere in pista:Parlare con altre persone dei tuoi piani per ridurre o smettere di bere del tutto ti aiuterà a rispettare i tuoi piani. Magari utilizza anche i network per trovare sostegno, se è necessario.

4. Evitare le tentazioni
Trascorri tutto il tempo esercitandoti a fare quello che non riesci a fare quando bevi, ti renderai presto conto di quanto l’alcol ha effetto sul tuo corpo quando scoprirai di cosa sei capace senza di esso. Se stai uscendo, perché non offrire di guidare accompagnando gli altri a casa? Sarai costretto a bere al massimo bevande non alcoliche, tutti ti ameranno e tu aumenterai la consapevolezza per proseguire il tuo percorso.

5. Premiarsi
Se i vantaggi di dormire meglio, di avere maggiori energie non sono sufficienti a persuaderti a mantenere il tuo percorso, metti da parte i soldi che spenderesti in alcol e usali per comprare qualcosa che vuoi veramente.

6. Durare
È possibile che tu possa avere effetti psicologici dall’abbandono anche del bere in quantità inferiore: irritabilità, scarsa concentrazione, sensazione di insicurezza, brutti sogni. Tenere duro. Se continui, le cose miglioreranno.
alcol responsabile per il 5 per cento di tutti i decessi a livello globale
L’alcol è responsabile per il 5% di tutti i decessi a livello globale

Nonostante la crescente evidenza che l’alcol non è buono per la salute anche in dosi relativamente basse, uno studio mostra che sembra che stiamo bevendo sempre di più. E questa settimana, un’analisi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) arriva ad una sorprendente statistica: globalmente, l’alcol è responsabile di circa 3 milioni di morti nel mondo, che rappresentano oltre il 5% di tutti i decessi sul pianeta.

Una quantità sproporzionata di tre quarti delle morti causate dal consumo di alcol è di sesso maschile. In altre parole, oltre il 7,5% delle morti maschili sono attribuibili all’alcol, mentre il numero è del 2,5% per le donne. Ed è ancora più drammatico nei giovani: nella fascia di  età 20-39 anni, il 13,5% della mortalità totale era legata all’uso di alcol.

L’OMS ha analizzato i dati di sondaggi in tutto il mondo, per determinare quanto spesso e quante persone stavano bevendo per posizione geografica e pro capite.

Hanno stimato 237 milioni di uomini e 46 milioni di donne bevono eccessivamente o abusano di alcol.

Il team stima inoltre che 200 malattie e varietà di lesioni siano causate dall’uso di alcol. “Il consumo di alcol è associato al rischio di sviluppare problemi di salute come disturbi mentali e comportamentali, tra cui dipendenza da alcol, principali malattie non trasmissibili come cirrosi epatica, alcuni tumori e malattie cardiovascolari, nonché lesioni derivanti da violenze e scontri e collisioni stradali ” si legge nel rapporto.

In effetti, gli autori stimano che il consumo eccessivo di alcol rappresenta il 26% dei tumori della bocca, il 48% dei casi di cirrosi epatica, il 26% di pancreatite, il 20% di tubercolosi, l’11% di cancro del colon-retto, il 5% di cancro al seno e il 7% di cardiopatia ipertensiva. Stimando che l’alcol rappresenti il ??29% di tutti gli infortuni, compresi quelli dovuti a incidenti stradali, violenza interpersonale e suicidio.

A parte le malattie e gli infortuni fisici, l’alcol può naturalmente avere anche gravi costi psicologici e sociali, poiché colpisce l’individuo e le persone che lo circondano e i costi economici, sotto forma di lavoro perso e costi sanitari.

Lo studio ha trovato un paio di tendenze incoraggianti. Negli Stati Uniti, così come nei paesi africani, del Mediterraneo orientale e europei, la percentuale di bevitori è diminuita dal 2000. La quantità consumata per persona è aumentata dal 2000 al 2010, ma da allora si è mantenuta stabile. L’importo pro capite più alto è in Europa.

Tuttavia, i ricercatori prevedono che, sebbene alcuni paesi, come l’Australia e il Giappone, potrebbero ridurre il loro consumo pro-capite, in altre aree – Stati Uniti, Messico e Brasile – dovrebbe aumentare nei prossimi 10 anni. Allo stesso modo, altri recenti studi hanno dimostrato che negli Stati Uniti il ??consumo eccessivo di alcol e l’alcolismo è aumentato negli ultimi anni, specialmente nelle minoranze, negli anziani e nelle donne.

I metodi “best buy“, come li chiama l’Oms, comportano l’aumento delle tasse sugli alcolici e la limitazione della pubblicità, mentre gli sforzi più incentrati sulla condivisione di informazioni scientifiche, come le campagne per illustrare ciò che la ricerca ha indicato sui rischi per la salute dell’alcol, potrebbero alla fine fare di più. Il tempo dirà se gli sforzi per la salute pubblica possono tenere il passo con un comportamento storicamente e psicologicamente estremamente complesso.

 
< Prec.   Pros. >