l'attualita'

Pietro Beconcini

logobeconcini.jpgA San Miniato, c'è chi coltiva le tradizioni del vino alla "toscana".
E' Leonardo Beconcini

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Governo: si dice che

gverde.jpgIniziamo a fare un giro di telefonate per capire cosa si pensa del Governo

Leggi tutto...
 

l'editoriale

Nel Nord Italia che più non si può, a Livigno, i genitori italiani abbandonavano il figlio di 5 anni in mezzo agli escrementi dei loro grossi cani, mentre andavano a lavorare in un negozio extralusso.
Sembra che in molti sapessero, ma nessuno si è mai mosso.
I genitori rischiano la patria potestà. Il bimbo nel frattempo è stato affidato ai servizi sociali

 
 
Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

 
A 'cimma PDF Stampa E-mail

Cima alla genovese: ingredienti e preparazione della tradizionale ricetta
Una ricetta genovese per eccellenza a base di carne, un vero rituale nell'antichità. Fabrizio De Andrè le ha dedicato una canzone, Aldo Acquarone i versi di una poesia
La cima è una delle ricette tradizionali della cucina ligure: in origine era un piatto di recupero, oggi è una ricetta ricercata e sempre più rara.
Aldo Acquarone le ha dedicato i versi di una poseia, A çimma pinn-a, o re di piatti frèidi, Fabrizio De Andrè una famosissima canzone, Â çímma.
Una volta preparata, le fette fredde della cima possono essere passate nell’uovo sbattuto e pane grattugiato e fritte con burro o olio d’oliva. E’ un vecchio metodo per utilizzare gli avanzi della cima il giorno dopo la preparazione.

Ingredienticima-genovese.jpg
1 chilo di pancetta di vitello tagliata in un solo pezzo sottile e cucita poi a sacco con apertura da una sola parte,
100 grammi di polpa di vitello,
10 grammi di poppa di vitella,
50 grammi di cervella,
40 grammi di burro,
6 uova,
2 cucchiai di pinoli,
parmigiano grattggiato, funghi secchi, maggiorana, uno spicchio d’aglio, 100 grammi di piselli,
2 cipolle,
1 carota, olio,
mollica di pane,
mezzo bicchiere di latte,
mezzo bicchiere di vino bianco, sale.

Preparazione
Tritate finemente la polpa, la poppa e le cervella del vitello.
Fate poi rosolare un trito di cipolle e carota in una grossa padella, quindi unite le carni tritate, i piselli sgranati, i funghi precedentemente ammollati in acqua tiepida, i pinoli, l’aglio tritato, la maggiorana, le uova sbattute, la mollica di pane bagnata nel latte e il parmigiano.
Mescolate con un cucchiaio di legno, salate, unite il vino bianco e fate cuocere fino a che non evapora.
Riempite la sacca di vitella con il composto appena preparato e cucite il lato rimasto aperto. Mettete sul fuoco una grossa pentola piena d’acqua salata con una cipolla, sedano e carota.
Quando l’acqua sarà tiepida, immergetevi la sacca ripiena di carne (cima). Fate bollire a fuoco medio per circa due ore e di tanto in tanto forate la sacca con un grosso spillo per evitare che si gonfi e si spacchi.
Una volta cotta, lasciate raffreddare la cima in un piatto e cercate di far foriuscire l’eventuale brodo che ha assorbito durante la cottura. Tagliatela a fette di circa 1 centimetro di altezza, pronte ad essere degustate da sole o con un condimento di salsa verde.
Accompagnare con un Rossese di Dolce acqua

 
Pros. >