l'attualita'

L'Albero del Pane

logoalbero.jpgDove meno te lo aspetti, trovi un luogo di delizie, dolci e salate. Provare per credere

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Che si regala a Natale

regaliintervista.jpgGiro di telefonate per capire cosa si regalerà per le Feste Natalizie

Leggi tutto...
 

l'editoriale

2018, addio e senza rimpianti.
Ne sono successe di tutti i colori, ai quattro angoli del Mondo.
Dalla vicenda Corea del Nord-Usa, alla guerra dei dazi, ai disastri naturali, alle vicende nostrane, e poi la Brexit che ancora non si sa come andrà a finire.
Non è mancato il terrorismo, che ovviamente non va in ferie.
Sul clima, che dovrebbe mettere tutti d'accordo, non c'è accordo e il rischio di andare a schiantarsi, non è così remoto.
Come sarà il 2019? Speriamo in un ritorno al buon senso!

 
 
100 anni fa PDF Stampa E-mail
Sono passati 100 anni dalla firma dell'armistizio della 1a Guerra mondiale: il guerun, lo chiamavano i nostri vecchi.
Per l'Italia la "Vittoria tradita", secondo la retorica Fascista
Purtroppo quell'armistizio ha posto le premesse per la nascita di Fascismo prima e del Nazismo subito dopo, e della IIa Guerra mondiale.
Oggi si riaffacciano i nazonalismi e come si dice sempre la Storia è maestra di vita... ma non ha insegnato niente, almeno in questo caso.
Consigliamo ai nostri politici di farsi un giro sull'Isonzo, per capire l'insensatezza di quella guerra
E una meta imperdibile da visitare è il Museo di Caporetto (Kobarid) e dell'ossario, dove leggendo i nomi si scopre che i nostri militari erano in gran parte meridionali.

 
< Prec.   Pros. >