l'attualita'

L'Albero del Pane

logoalbero.jpgDove meno te lo aspetti, trovi un luogo di delizie, dolci e salate. Provare per credere

Leggi tutto...
 

l'intervista del mese

Che si regala a Natale

regaliintervista.jpgGiro di telefonate per capire cosa si regalerà per le Feste Natalizie

Leggi tutto...
 

l'editoriale

2018, addio e senza rimpianti.
Ne sono successe di tutti i colori, ai quattro angoli del Mondo.
Dalla vicenda Corea del Nord-Usa, alla guerra dei dazi, ai disastri naturali, alle vicende nostrane, e poi la Brexit che ancora non si sa come andrà a finire.
Non è mancato il terrorismo, che ovviamente non va in ferie.
Sul clima, che dovrebbe mettere tutti d'accordo, non c'è accordo e il rischio di andare a schiantarsi, non è così remoto.
Come sarà il 2019? Speriamo in un ritorno al buon senso!

 
 
Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

Advertisement

 
Quel che non c'è più PDF Stampa E-mail

Erano anni belli, pochi soldi, molta fantasia e molta moltissima politica.
C'era l'ALSA di Albergoni e Sassi, c'erano gli STZ, quelli del cavallo verde dello spot del Totip. C'era il Giamaica a Brera, dovi si incontravano Montale e Castellani, Uliano Lucas, e Ugo Mulas. Il rito era quello dello scopone scientifico del pomeriggio. Al Verziere Cesare Daelli in competizione con il Bar basso, prpinava cocktails di gran livello. Nascevano Macondo e l'Out Off. Gino Di Maggio iniziava  sostenere il movimento Fluxus. Quella era la Milano che riusciva districarsi tra il terrorismo rosso e nero e la grande Cultura. Cosa è rimasto? Nulla di nulla. Tutto è avvolto da una grande melassa

 
< Prec.   Pros. >