Podere Bignolino

L'Oltrepo Pavese, caro a Gianni Brera, quasi non esiste più.
Lui il Gioann fu Carlo, è stato il gran cantore di questo terroir meraviglioso. Poi le iper produzioni, l'ingordigia del danaro facile, hanno fatto scempio di quest'angolo meridionale di Lombardia. pod3erebignolino.jpg
Finalmente grazie a una schiera di produttori bravi e consapevoli, dopo anni di decandenza che stanno reiniziando a far vini come si deve. Oggi, sia sta vivendo una nuova Renaissence, tornando a produzioni d'eccellenza
In fondo i lombardi, e in milanesi in particolare, hanno iniziato a dare un nome proprio ai vini, proprio con i vini dell'Oltrepò...infatto sono passati dal dire " Un bianco...un rossoo" al dire "...Un Pinot, un Buttafuoco, una Bonarda". Un salto epocale e culturale fondamentale nei consumi del vino.
Da bevanda povera, di consumo quotidiano durante i pasti e integratore ""alimentare" a bevanda edonisstica da consumare in modo collettivo in bar e locali. nasce così l'aperitivo con il classico Pinot
finestra.jpgdell'Oltrepò spumantizzato
Tra le aziende in evidenza Podere Bignolino della famiglia Contardi.
Una storia fatta di piccoli passi, piccolo ma costanti e sempre tesi a migliorare struttura e produzione
Ci aveva visto giusto il signor Italo Contardi quando, sul finire dell'800 iniziò a piantar vite in Oltrepò. Un terroir meraviglioso che ha pochi uguali in Italia e non solo. Questa è la patria d'eccellenza del Pinot Nero, ma che trova buona compagnia con il Riesling Italico, la meravigliosa Croatina, la superba Barbera, per non dimenticare poi gli Chardonnay, i Cabernet Sauvignon e il Moscato, dal colore intenso e aromi unici
Per la sua azienda, scelse i bricchi di Montalto, areati, dove le nebbie ristagnano poco e dove la vitivinicoltura trova un habitat ideale. Di padre in figlio, la storia si è incamminata senza interruzioni, dove ad ogni passaggio di testimone si è verificato un miglioramente sostanziale, fin quando una decina di anni fa, qunado Cirillo Contardo, agronomo ed enologo, da la svolta definitiva. L'azienda come la si conosce oggi è sostanzialmente opera sua. Suoi i restauri di tutta la struttura, sua l'intuizione sull'accoglienza, oggi che il turismo del vino e la vendita diretta sono fondamentali e che sono un must aziendale.

I VINI IN DEGUSTAZIONE

Bonarda:
bonarda-01ok.gifVitigno: croatina in purezza
Zona di produzione: Oltrepo Pavese Comuni di Mornico Losana – Cigognola, esposizione dei vigneti a sud
Tipologia : D.O.C. vino rosso frizzante
Vinificazione: vasca d’acciaio
Affinamento: bottiglia
Note sensoriali  -  colore: rosso rubino intenso
Profumo: frutti rossi
Gusto: sapido, intenso con note fruttate tipiche
alcool: 12,5%vol
Temperatura di servizio: 16-18

 Pinot Nero:
pinot-nero-01ok.gifVitigno: Pinot Nero in purezza
Zona di produzione: Oltrepo Pavese – comune di Cigognola, esposizione dei vigneti
Tipologia : D.O.C.  vino rosso fermo
Vinificazione: fermentazione in vasca d’acciaio con macerazione sulle bucce di circa 25 giorni
Affinamento: piccole botti di rovere francese  e  bottiglia
Note sensoriali
colore: ha un colore tipico e di grande eleganza, che varia nella sua evoluzione dal rubino  all’aranciato ed una spiccata trasparenza luminosa
Profumo: si apre in note suadenti di bacca rossa e matura impreziosite da profumi di liquirizia e pepe verde.
Gusto: persistente e pieno che si chiude su toni morbidi ed ampi. Nella sua unicità rievoca i sentori minerali del proprio terreno d’origine
alcool: 13%vol
Temperatura di servizio: 18-20°

Pinot Nero Millesimato:
pinot-brut-01ok.gifVitigno: Pinot Nero in purezza
Zona di produzione: Oltrepo Pavese – comune di Mornico Losana esposizione dei vigneti a sud-ovest
Raccolta: a mano e in cassette fine agosto
Tipologia : D.O.C.G. spumante metodo classico Brut
Vinificazione: pressatura soffice delle uve intere. Fermentazione in vasca d’acciaio. Presa di spuma naturale con permanenza sui lieviti di almeno 36 mesi. Degorgiatura tradizionale del metodo classico.
Tiraggio: da Aprile a Maggio dell’anno successivo alla vendemmia
Affinamento:  in bottiglia per almeno due mesi dopo la  degorgiatura
Note sensoriali  -  colore: giallo paglierino luminoso e brillante. La spuma è bianca ed il suo perlage fine e persistente
Profumo:fonde sentori verdi e profumi di frutti esotici, di banana e mandorla matura,  affinata ad una sottile nota vanigliata
Gusto: pulito ed equilibrato con eleganti sfumature di miele e burro
Temperatura di servizio: 6°
Tre etichette che rappresentano il meglio di quanto il terroir dell'Oltrepò possa offrire. Vini identitari, che raccontano la passione con la quale vengono prodotti

Podere Bignolino
27040 Località Bignolino S.P 44
Montalto Pavese - Broni (Pavia)
Tel e Fax: +39 0383 870160
 Tc +39 338 1244345

www.poderebignolino.it